SBK 2014, arriva la Dorna: inizia la rivoluzione? debutta la 250

da , il

    SBK 2014, arriva la Dorna: inizia la rivoluzione? debutta la 250

    Al momento è solo una bozza, e il lavoro che vi sta venendo fatto sopra è veramente tanto, ma si comincia ad intravedere la bozza del regolamento 2014, il primo vero regolamento tecnico delle Superbike sotto il regime Dorna, essendo stato impossibile da modificare quello del 2013, causa mancanza di tempistiche dopo l’acquisizione. E le novità proposte oltre ad essere tante sono anche molto diverse dalla direzione che stava prendendo il Mondiale delle Derivate di Serie. E’ un male? A voi la parola!

    IL TRIONFO DI MAX BIAGGI

    Dunque, ciò che è allo studio in questi giorni è, oltre alla solita riduzione dei costi, la riduzione del contenuto tecnologico dell’intero campionato (Supersport compresa) e la riduzione delle classi da 4 a 3. L’idea di per se è interessante e fatta bene, e adesso ve la esponiamo.

    Ezpeleta afferma che i diritti televisivi di 3 classi si vendono molto più facilmente rispetto a quelli di 4 classi, come dimostra l’avventura MotoGP che ha sempre trasmesso tutte le sue classi rispetto al campionato SBK, che riusciva a piazzare solo la classe regina e relegava le altre al web nel migliore dei casi. Poi, la riduzione del contenuto tecnico. Questo sistema non abbasserà, sempre secondo il CEO di Dorna, il contenuto in termini di spettacolo, anzi! Teoricamente costi inferiori nell’ordine del 30/40% porterebbero il ritorno di case come Yamaha e Bimota, e potrebbero invogliare altre case più restie come Triumph (che ha allo sviluppo secondo alcune voci una splendida SBK 3 cilindri 1100), MV Agusta, KTM e magari anche EBR, che con il nuovo planning finanziario si prepara alla produzione di massa.

    Jhonny Rea 3

    Ovviamente di tutto ciò ne gioverebbero anche i consumatori finali, che vedrebbero tornare le case a migliorare più spesso i loro modelli sportivi per rimanere al passo con la concorrenza, cosa che non è necessariamente vera in questo momento. Porta l’esempio proprio Honda, che continua a negare il Ride By Wire alla sua CBR 1000 RR, tanto il regolamento gli permette di montarlo in ottica campionato… Come diretta conseguenza dell’abbassamento delle prestazioni delle Superbike e delle Supersport, andrebbero a sparire le classi Stock, che verrebbero inglobate dalle sorelle maggiori. Per non lasciare solo due categorie cosi, si è pensato ad una classe 250, di cui ancora non si sa nulla di preciso ma di cui si pensa farebbero parte i modelli commercializzati della attuale Moto3, in modalità appunto base.

    Al momento è tutto in forse, l’associazione delle case si deve ancora riunire con la FIM e la Dorna per decidere quello che sarà a tutti gli effetti il futuro della SBK, ma stavolta Dorna ha il coltello dalla parte del manico e non può più subire minacce come ha fatto Honda di fuga da un mondiale all’altro. E’ altresì vero che, con soli 19 partenti fissi nel mondiale 2013, la SBK rischiava di fare la stessa fine che ha fatto nel Campionato Italiano Velocità. Speriamo che il buon senso prevalga e che venga trovata un alternativa che accontenti tutti, soprattutto noi pubblico!

    LE PADDOCK GIRLS DELLA SBK!