SBK Imola 2015: le Pagelle del Gran Premio d’Italia

Pagelle dal Gran Premio d'Italia, quinto round del Mondiale Superbike 2015 dal tracciato di Imola

da , il

    SBK Imola 2015, paddock girls

    Eccoci alla quinta puntata della nostra consueta rubrica “le Pagelle del Gran Premio” con un occhio particolare sul Gran Premio d’Italia del Mondiale Superbike sulla pista di Imola e dominato da Jonathan Rea che è sempre più leader del campionato dopo soli 5 round disputati. Ci siamo presi qualche ora per rivedere tutto quanto è successo nel weekend prima di stilare i voti dei protagonisti della giornata. Prima dentro e partiamo!

    Le pagelle

    SBK Imola 2015, prove libere 4

    Jonathan Rea 9: non era contento del terzo posto in qualifica ieri, oggi tira fuori la prestazione ammazza-campionato. E’ lui a decidere quando scappare via e che ritmo tenere, un ritmo insostenibile per tutti. Doppietta come lo scorso anno e campionato ormai virtualmente deciso pur mancando ancora tanti round. KILLER INSTINCT

    Davide Giugliano 8,5: di più non si poteva chiedere da uno che è stato 80 giorni lontano dalle piste dopo il botto di Phillip Island. Rientrare facendo la pole e salendo sul podio non è niente male, paga pegno in gara-2 ma è comprensibile dopo tutto questo tempo. EROICO

    Le pagelle

    Tom Sykes 8: la migliore gara della stagione. Con due secondi posti Tom si riabilita dopo 4 round abbastanza scialbi e reste incollato al compagno fin quando può. CORIACEO

    Ayrton Badovini 7: buonissima prestazione di Ayrton che porta la BMW in top ten in entrambe le gare incamerando punti importanti per il suo campionato. Fa il suo miglior risultato in gara-2 grazie anche alle tante cadute davanti. FORTUNATO

    Le pagelle

    Chaz Davies 6,5: fino a quando la sua Ducati glielo ha permesso, il gallese si è dimostrato il solito cagnaccio combattivo dei primi round. Imprevedibili le rotture sulla sua moto che a questo punto della stagione pesano nell’economia della sua stagione. CALIMERO

    Sylvain Guintoli 6: il 5° posto finale nel restart di gara-1 non cancella l’errore marchiano della caduta nel primo giro di gara-2. E’ il lontano parente del pilota campione del mondo 2014 e non sembra venir fuori da questa crisi. OMBRA

    Leon Haslam 5: in difficoltà per tutto il weekend con errori macroscopici non da lui, in gara-2 pensa bene di stendere il suo ex compagno di team Van Der Mark rovinandogli la gara e rovinando poi la sua gara andando per terra. Perde ulteriore terreno da Rea in classifica mondiale. SCOPPIATO