SBK Monza, quarto round

Troy Bayliss vince anche alla gara SBK a Monza

da , il

    SBK Monza, quarto round

    Un altro GP magnifico per Bayliss, che porta a ben 5 le vittorie parziali consecutive, ma soprattutto prende il largo in classifica portandosi a + 36 punti rispetto al rivale di sempre Corser.

    Superpole a parte, che ha visto prevalere di un soffio il Troy del Team Alstare, Bayliss a Monza è stato semplicemente perfetto. La 999 ufficiale, sfruttando la sua tremenda coppia, ha maggiore accelerazione della Suzuki in uscita di curva, come ammette sconsolato lo stesso Corser, ed attualmente sembra difficilmente battibile dalla GSX-R pur sempre aggiornata vista fin’ora.

    Al team Alstare servono urgentemente nuove soluzioni ed aggiornamenti, specie per migliorare la trazione (quindi reparto rapporti e gomme in primis) altrimenti il gap tra Bayliss e Corser sembra destinato ad aumentare inesorabilmente nei prossimi appuntamenti, vista anche l’inconsistenza di Kagayama, che non riesce ad aiutare il suo caposquadra. La GSX-R man mano che le gomme si consumano perde trazione e dunque competitività ed efficacia, come si è visto bene a Valencia ed anche, sia pure in minor misura, nella prova italiana. In più, Corser in gara 1 ha avuto seri problemi ai freni, ed è stato ad un passo dal cadere un paio di volte!

    Il campionato però è ancora molto lungo, quindi la Suzuki e Corser hanno tutte le possibilità di rifarsi. Vedremo cosa sapranno inventarsi i tecnici di Hamamatsu……

    Le Honda si sono riprese abbastanza bene dopo il disastro di Valencia, con il vecchio leone Barros (ed il Team Klaffi) di nuovo sugli scudi. Splendido il suo secondo posto in gara 1, dove ha preceduto perfino Corser, ed ottimo pure il suo quarto in gara 2. Da notare che l’ultima apparizione di Barros a Monza risale a quasi vent’anni fa, dunque tanto più ha valore il GP di Alex se si considera che il circuito nella attuale configurazione gli era virtualmente sconosciuto!

    Alex risale dunque in classifica, rimanendo sempre al quarto posto, ma a soli due punti da Toseland.

    Quest’ultimo invece non ha approfittato della ritrovata competitività delle CBR 1000 RR, vittima anche della sfortuna (e della caduta in gara 1) ed ha ormai perso contatto coi due primattori del campionato, pur rimanendo terzo. Ricordiamoci però come vinse il titolo 2004: James non molla mai, e resterà un cliente alla lunga pericoloso. Cruciale sarà il suo prossimo Gp, ormai non gli sono più possibili passi falsi, essendo ormai a – 78 punti da Bayliss!

    Il suo team mate Muggeridge invece ha disputato un Gp brillante, con un sesto e settimo posto.

    Haga continua un campionato veramente positivo e regolare, regalandosi un altro podio: con un terzo posto in gara 2 ed un quarto in gara 1 resta quinto in classifica, ma praticamente appaiato a Barros che lo precede di sole due lunghezze.

    Anche il suo compagno di squadra Pitt ha avuto un’ottima giornata, con un quinto ed un sesto posto, che lo mantengono buon sesto (proprio dietro Noryuki) in classifica generale. Dunque, complessivamente, un altro valido Gp per le Yamaha.

    Monza da dimenticare invece per due miei beneamini, Lanzi e Norifumi Abe (rispettivamente settimo e nono in classifica) così positivi invece a Valencia. Spero di poter parlare meglio di loro commentando la prossima prova di Silverstone!

    Rolfo invece è stato brillante a Monza, e con un ottavo ed un decimo posto è ottavo dietro a Lanzi nel conto dei punti. Spero che Roberto ci possa regalare altre simili – magari ancora maggiori! – soddisfazioni nei prossimi Gp, così come è ampiamente nelle sue possibilità. Da suo estimatore, aspetto con fiducia.

    Le Kawasaki non hanno brillato, il migliore è stato Laconi, settimo in gara 1, rititrato invece nella seconda frazione.

    Arrivederci a Silverstone (tappa a mio avviso decisiva per Corser, l’australiano deve assolutamente tornare alla vittoria se vuole mantenere intatte le sue chances di successo finale) per la prossima puntata di questo stupendo campionato SBK!