Schumacher: «O vittoria, o ritiro!»

da , il

    Schumacher: «O vittoria, o ritiro!»

    Sarà stata la pressione attorno a lui: possibile. Sarà stato il nostro appello: impossibile. Fatto sta che anche per correttezza nei confronti della Ferrari e dei suoi tifosi, Michael Schumacher ha deciso di parlare del suo futuro.

    Precisiamo che non ha in realtà detto nulla di concreto. Ma ha detto quello che ha in testa. E sapendo finalmente quello che ha in testa, si potranno ottenere indicazioni molto precise entro poco.

    In un intervista al settimanale “Der Spiegel”, il tedesco ha messo una variante sul tema delle dichiarazioni nelle quali confessa di amare le corse e la competizione. Lui ama gareggiare e competere, ma soprattutto ama VINCERE.

    Questa piccola novità è diventata ancor più chiara quando Schumacher ha ammesso che continuerà a correre solo se avrà tra le mani una macchina competitiva. Insomma, o continua a vincere o lascia stare: alla faccia di chi credeva che ormai lo facesse solo per il divertimento di correre!

    La decisione ufficiale sarà presa a metà stagione. Ma ci vorrà molto meno a lui ed a tutti noi per sapere se la Ferrari si sarà ripresa dalla crisi del 2005.

    Più cannibale che mai, Schumy dopo aver vinto più di tutti ha ancora fame di successi. Certo, a pensarci bene non c’è da stupirsi che per uno come lui ci vogliano questo genere di stimoli per trovare ancora fascino nelle corse. Le stesse corse che, nel bene o nel male, lo hanno sempre visto protagonista non potrebbero accettare di vederlo nel gruppo dei mediocri come è successo a tanti ex-campioni del mondo.