Schumi rifiutò la McLaren per colpa di Dennis

da , il

    Schumi rifiutò la McLaren per colpa di Dennis

    Dopo il ritiro, Michael Schumacher è in vena di confidenze. L’ultima la concede allo Suddeutsche Zeitung.

    L’ex pilota Ferrari racconta che nel 1995, prima di passare alla scuderia di Maranello, è stato vicino alla Mercedes ma non è passato alla McLaren perché non era in accordo con… Ron Dennis!

    Teatro dell’evento Montecarlo:”Era il 1995 - racconta Schumacher – quando ebbi un incontro con la Mercedes per trattare il mio passaggio alla McLaren. I miei rapporti con la Mercedes sono sempre stati ottimi e non c’erano motivi per pensare che l’accordo non sarebbe stato a buon fine. Ma Ron Dennis, invece aveva idee diverse su come andasse gestito un team di F1

    E volete sapere quale erano queste divergenze su come gestire un team?

    Schumacher confida che Ron Dennis gli ammise la volontà di non dare ordini di scuderia neanche a campionato inoltrato e con gerarchie già stabilite tra i due piloti. Secondo il pilota tedesco questo fu un comportamento inaccettabile:“Non ho mai chiesto, ne’ contrattualmente o verbalmente, lo status di numero uno nella mia intera carriera. Ma il mio punto di vista e’ questo: all’inizio della stagione entrambi i piloti dispongono dello stesso materiale e sono sullo stesso piano in ogni aspetto. Ma appena diventa chiaro che uno dei due piloti e’ piu’ veloce dell’altro, il team deve supportarlo“.

    Per questo motivo l’accordo saltò e Michael Schumacher poté trovare più soddisfazione, successi, fama e fortuna andando alla Ferrari.

    Da notare che, al di là degli aiuti che ha ricevuto nel corso della carriera con la Rossa, Schumacher nel 1999 fu chiamato ad aiutare Eddie Irvine e così fece, lasciandogli la vittoria nel GP di Malesia.

    Se poi, per il resto della carriera è sempre stato più forte del suo compagno di squadra… non possiamo certo fargliene una colpa o, peggio, accusarlo di antisportività!