Stefano Domenicali: “la Ferrari interromperà lo sviluppo della vettura 2013 a settembre”

Arriva una pesante verità dalla Lotus: La scuderia, causa problemi economici stimati in 120 milioni di Euro, ha interrotto lo sviluppo della vettura del 2013

da , il

    Stefano Domenicali: “la Ferrari interromperà lo sviluppo della vettura 2013 a settembre”

    Altra bomba in Ferrari. Dopo la frase di Domenicali che vorrebbe Massa anche per il 2014, il Team Principal parla ancora della stagione ventura, dando una notizia che sembra più una resa per quest’anno: lo sviluppo della vettura 2013 terminerà a fine settembre, da lì ci si concentrerà solo su quella del 2014. I nuovi motori turbo sono una novità assoluta per la F1, forse il più grosso cambiamento storico per la categoria, e la Ferrari non vuole farsi trovare impreparata.

    Guarda anche:

    Le parole di Stefano Domenicali: “Settembre è il mese in cui inizieremo a spostarci sulla vettura 2014 che sarà molto complesso, ovviamente però il tutto in base alla situazione del campionato. I top team hanno capito che se vogliono essere una forza nel 2014 devono iniziare il più presto possibile a dedicarsi al nuovo progetto, tuttavia è una questione molto complessa specialmente per i big. Potremmo vedere delle grandi sorprese. A mio parere sarà il più grande cambiamento nella storia della F1, dunque è importante essere nella direzione giusta altrimenti tutto è perso”.

    Solo la Red Bull continuerà a sviluppare la vettura sino a fine anno? Sembra proprio di si.

    Anche la Lotus

    F1 2013, Lotus in crisi economica interrompe lo sviluppo! Si mette male per Raikkonen
    LaPresse

    Arriva una pesante verità dal capo degli ingegneri della Lotus Alan Permane. La scuderia inglese, causa gravi problemi economici stimati nell’ordine di 120 milioni di Euro, ha dovuto interrompere lo sviluppo della vettura del 2013. Come potrà, quindi, lottare per il titolo mondiale Kimi Raikkonen?. E con quali prospettive potrà pensare di restare anche nel 2014 ad Enstone? Intervistato da Autosport, Permane afferma:“Non ci sono più risorse per fare altri sviluppi. Nelle rimanenti gare poteremo in pista solo le ultime novità pianificate”. Iceman, intanto, attende ancora gli stipendi arretrati:”E’ successo anche lo scorso anno. Non è una novità. Diciamo che non è l’ideale”. ha dichiarato. Per tornare a vedere il futuro rosa, la Lotus deve sbrigarsi a concludere in fretta l’accordo con la Infinity Racing. Dato già per fatto a giugno scorso, ha subito continui rinvii.

    Boullier: “Lotus in fase di riorganizzazione”

    “Stiamo riorganizzando la parte finanziaria della società - ha spiegato Eric Boullier ai finlandesi di MTV3 – crediamo che arriverà un importante investimento finanziario. Ci saranno dei ritardi ma non manca più di qualche settimana. E’ fondamentale per poter discutere con Kimi del suo futuro”. Tornando a parlare della stagione in corso, secondo il team principal della Lotus c’è ancora margine per puntare su un Raikkonen campione del mondo:“In Ungheria abbiamo battuto le Red Bull, quindi sarà una bella lotta. Gli aggiornamenti in arrivo si preannunciano buoni. Sono molto felice. Vedendo l’andamento del campionato, solo in tre gare non siamo stati all’altezza delle Red Bull”. Per il GP del Belgio dovrebbe poter funzionare al meglio anche l’ormai famoso sistema di DRS passivo. Forse l’ultima vera novità in grado di fare la differenza che la fabbrica di Enstone sarà in grado di sfornare.

    Sauber: Hulkenberg non molla

    Un altro team in grande crisi che attende l’arrivo di nuovi investitori per riprendere quota è la Sauber. Nico Hulkenberg, dato insistentemente per partente poiché a secco di stipendio, si mostra ancora uomo-squadra:“Stiamo ancora lavorando sulla macchina di quest’anno. E lo faremo anche dopo la pausa estiva. Molti altri team già pensano al 2014 e questo potrà essere un vantaggio per noi”. Il pilota tedesco attende con trepidazione anche l’arrivo dei russi nella società:“Il loro supporto ed il loro denaro è molto importante per andare avanti in uno sport come la Formula 1 che richiede sviluppo continuo. Penso che sia un buon segno”.