Supersport Aragon 2013, Qualifiche 2: Il Turco Volante colpisce ancora [FOTO]

La Supersport si accende e si inizia l'ultimo turno cronometrato valido per la griglia di partenza

da , il

    E dopo che Tom Sykes si aggiudica la pole nel circuito in cui tra parentesi il suo team ha i test ufficiali tutto l’anno (quindi niente di strano oltre la norma), è l’ora delle 600. Sam Lowes, Kenan Sofouglu, Michael Van Der Mark e tutti gli altri protagonisti si sfideranno fino all’ultimo decimo per ottenere la partenza dalla tanto desiderata prima fila. Chi avrà la meglio? Tutti davanti lo schermo, ve lo diciamo noi qui, ovviamente LIVE, su Derapate.it!

    Aragon – FIM Supersport World Championship – Qualifying 2

    1. Kenan Sofuoglu (MAHI Racing Team India) Kawasaki ZX-6R 2’01.450

    2. Sam Lowes (Yakhnich Motorsport) Yamaha YZF R6 2’01.610

    3. Fabien Foret (MAHI Racing Team India) Kawasaki ZX-6R 2’02.216

    4. Sheridan Morais (PTR Honda) Honda CBR600RR 2’02.239

    5. Kev Coghlan (Kawasaki DMC-Lorenzini Team) Kawasaki ZX-6R 2’02.366

    6. Michael Vd Mark (Pata Honda World Supersport) Honda CBR600RR 2’02.379

    7. Luca Scassa (Kawasaki Intermoto Ponyexpres) Kawasaki ZX-6R 2’02.593

    8. Lorenzo Zanetti (Pata Honda World Supersport) Honda CBR600RR 2’02.895

    9. Riccardo Russo (Puccetti Racing Kawasaki) Kawasaki ZX-6R 2’02.958

    10. Raffaele De Rosa (Team Lorini) Honda CBR600RR 2’02.981

    11. Vladimir Ivanov (Kawasaki DMC-Lorenzini Team) Kawasaki ZX-6R 2’03.030

    12. Vladimir Leonov (Yakhnich Motorsport) Yamaha YZF R6 2’03.083

    13. Gabor Talmacsi (Prorace) Honda CBR600RR 2’03.345

    14. David Linortner (Team Honda PTR) Honda CBR600RR 2’03.438

    15. Florian Marino (Kawasaki Intermoto Ponyexpres) Kawasaki ZX-6R 2’03.448

    16. Jack Kennedy (Rivamoto) Honda CBR600RR 2’03.448

    17. Andrea Antonelli (Team Goeleven) Kawasaki ZX-6R 2’03.553

    18. Massimo Roccoli (Team Pata by Martini) Yamaha YZF R6 2’03.578

    19. Alex Baldolini (Team Lorini) Honda CBR600RR 2’03.621

    20. Imre Toth (Racing Team Toth) Honda CBR600RR 2’03.692

    21. Luca Marconi (PTR Honda) Honda CBR600RR 2’03.744

    22. Christian Iddon (ParkinGo MV Agusta Corse) MV Agusta F3 675 2’03.859

    23. Roberto Rolfo (ParkinGo MV Agusta Corse) MV Agusta F3 675 2’03.970

    24. Fabio Menghi (VFT Racing) Yamaha YZF R6 2’04.140

    25. Matt Davies (Team Honda PTR) Honda CBR600RR 2’04.170

    26. Mathew Scholtz (Suriano Racing Team) Suzuki GSX-R600 2’04.647

    27. Stefano Cruciani (Puccetti Racing Kawasaki) Kawasaki ZX-6R 2’04.698

    28. Nacho Calero Perez (Honda PTR) Honda CBR600RR 2’04.737

    29. Alex Schacht (Racing Team Toth) Honda CBR600RR 2’04.827

    30. Roberto Tamburini (Suriano Racing Team) Suzuki GSX-R600 2’05.470

    31. Mitchell Carr (AARK Racing) Triumph 675 R 2’05.696

    32. Luca Salvadori (Team Pata by Martini) Yamaha YZF R6 2’06.446

    33. Balazs Nemeth (Complus SMS Racing) Honda CBR600RR 2’06.594

    34. Yves Polzer (Team MRC Austria) Honda CBR600RR 2’07.63

    406_R01_Sofuoglu_grid

    ORE 16:50 Bandiera a scacchi! Con l’ennesimo colpo di reni Kenan Sofouglu si prende la pole di forza su Sam Lowes, che però ha trovato traffico nel suo ultimo giro lanciato. Terzo Foret, che ricomincia a fare tempi più nel suo range d’azione e a rivedere le posizioni a cui è abituato. Seconda fila per Morais, Coghlan e Van Der Mark.

    ORE 16:30 lo sapevamo già ma fa sempre effetto vederli. Sofouglu e Lowes si sfidano a colpi di giri veloci, e dopo un paio di tentativi Kenan si porta in testa con un tempo di 2’01.662, dando ben tre decimi all’inglese che però non ci sta e cerca immediatamente la rimonta, rimanendo però in seconda posizione. Problemi per la MV di Robby Rolfo, con una leggera perdita d’olio sul nuovo propulsore montato dopo le libere.

    MV Agusta F3 Robby Rolfo

    ORE 16:25 Tempi sempre statici, Coghlan riesce a risalire fino alla terza posizione, portando in prima fila due kawasaki. Seguono le Honda di Van Der Mark e Morais, primo degli italiani Luca Scassa in sesta posizione

    Supersport 2013 Sofouglu Lowes bagarre

    ORE 16:10 Bandiera Verde e caduta quasi istantanea di Sam Lowes, che prende il cordolo interno prima del rettilineo e appoggia la moto in terra. Nessun danno per il pilota e poca cosa anche per la moto, di corsa ai box per sistemare e ripartire. Al momento comanda proprio l’inglese in 2’01.930