Troy Bayliss: il ruggito del leone

Troy Bayliss: il ruggito del leone

da , il

    Troy Bayliss: il ruggito del leone

    L’avevano detto, in Ducati, che Bayliss in Qatar era come se non si fosse presentato.

    Il mondiale di Bayliss inizia al secondo appuntamento della stagione, e guarda caso, proprio sul circuito di casa di Philip Island.

    1 Bayliss Troy Ducati 1`32“145

    2 Toseland James Honda 1`32“198

    3 Corser Troy Yamaha 1`32“605

    4 Haga Noriyuki Yamaha 1`32“879

    5 Biaggi Max Suzuki 1`32“928

    6 Nieto Fonsi Kawasaki 1`33“132

    7 Neukirchner Max Suzuki 1`33“188

    8 Xaus Ruben Ducati 1`33“367

    9 Laconi Regis Kawasaki 1`33“368

    10 Lanzi Lorenzo Ducati 1`33“969

    Troy Bayliss e la sua Ducati tornano, infatti, in pole con un sensazionale 1’32”145 conquistato alla fine di un giro mozzafiato in cui il pilota australiano ha giocato il tutto per tutto. Tredicesima pole in carriera, la 134esima per la casa di Borgo Panigale, il centauro racconta: “Ho ritrovato la mia moto, in Qatar avevamo avuto problemi, forse più grossi di quanto ci attendevamo, ma sulla pista di casa sta andando tutto a meraviglia. Ormai faccio questi tempi anche ad occhi chiusi e anche la simulazione sulla distanza è andata ottimamante.

    Cronometro fermo su valori che gli altri non sono riusciti a raggiungere.

    Mx Biaggi partirà sempre dalla prima file anche se il suo piazzamento è la quinta posizione: il campione romano è preceduto dai soliti noti, il terzetto Corse-Haga-Toseland (ieri primo).

    Il campione numero #3 ha dichiarato: “La situazione è discreta, nonostante il quinto posto. Purtroppo durante il giro ho fatto un errore alla penultima curva e ho perso quei decimi che sarebbero stati fondamentali. Qui nel 2000 sono scattato in terza fila con la 500 ed ho vinto.

    A Philip Island, oggi, si celebreranno anche i 20 anni della SBK:sabato e domenica sfileranno sul tracciato australiano alcuni dei piloti che hanno fatto la storia della classe regina delle derivate di serie tra cui Rob Phillis (Kawasaki), che ha corso in SBK dal 1988-1994 e 1996), Kevin Magee (Yamaha- 1991-1992), Peter Goddard (Suzuki – 1989-1990, 1995-2002), Fred Merkel (1988-1993)