Valentino “alla cieca”

Rossi parla della sua gara di Donington

da , il

    Valentino “alla cieca”

    Cardiopalma per Valentino Rossi nell’appuntamento di Donington Park concluso da una manciata di minuti.

    Ecco l’intervista a Valentino “a caldo”, prima di entrare in conferenza stampa.

    Campionato

    “E’ un risultato importantissimo per me questo secondo posto, più di una vittoria. Dopo la caduta di Assen ho fatto tutto il possibile per rimettermi a posto, volevo fare 95 punti dalla gara del Mugello in poi, ne ho fatti 78, sono soddisfatto anche perchè ci sono stati impedimenti che hanno minato la mia competitività. Il polso per esempio, in questi giorni la mia casa è stata la Clinica Mobile, anzi devo ringraziare il Dott. Costa e tutto lo staff della Clinica che mi hanno aiutato tantisimo e hanno reso possibile i miei risultati. Ringrazio veramente tutti.”

    Donington

    “Qui abbiamo dovuto fare molto durante le prove perchè non ce ne andava bene una. No gomme giuste, no settaggi che andassero bene, abbiamjo faticato tantissimo, alla fine abbiamo cambiato tutto questa mattina, non di tantissimo, ma abbiamo sostituito la gomma posteriore, rifatto il setting, completamente “ala cieca”, anche perchè non abbiamo potuto provarlo stamattina visto che ha piovuto.

    Durante il warm up ho provato a capire come funzionasse la moto, ma ero lontano dalla forma migliore, sono partito letteramente a scatola chiusa.

    Ci ho messo un pò di giri a capire come fosse fatta la moto, come dovessi ragionare, come dovessi guidarla, ma alla fine ho capito e si guidava bene.”

    Melandri

    “Il mio obiettivo di questa gara era fare il podio, volavo solo quello e riuscire a piazzarmi prima di Hayden. Poi è ovvio che i “derby” siano sempre combattutissimi, io ce la metto tutta, quando io vedo lui e lui vede me, italiani entrambi, è un piacere e un divertimento lottare tra di noi.

    Lui mi ha passato in una curva, io l’ho ripassato, poi all’ultimo giro ci abbiamo provato, siamo andati tutti e due lunghi all’ultima curva, ma lui più lungo di me!”

    Mondiale riaperto?

    “Ragazzi è dura, per la prossima gara spero di staqre meglio, sicuramente starò meglio, le gare ravvicinate certo non aiutano a guarire, ma il fatto è che perdiamo ancora troppo nelle prove. Se vedi le Honda, sono sempre costanti, noi invece non riusciamo a metterci a posto.

    Dobbiamo andare avanti assolutamente, non voglio fare accuse, è anche colpa mia che non riesco a fare risultati accettabili durante il venerdì e il sabato, ma bisogna lavorare sodo. E’ ancora tutto aperto, io ho un grandissima fiducia nel mio staff, magari arriva un pò di braccino ad aiutarci!”