Valentino Rossi: “a Motegi sarà dura”

Valentino Rossi è consapevole di non essere al top della forma in vista del prossimo appuntamento della MotoGP sul circuito nipponico di Motegi

da , il

    Valentino Rossi: “a Motegi sarà dura”

    Ap/LaPresse

    Il campione in carica della MotoGP, Valentino Rossisbarca sulla pista di Motegi, prima gara delle tre consecutive di ottobre con Sepang e Phillip Island, consapevole che la sua spalla infortunata durante la scorsa estate potrebbe essere un problema. La gamba fratturata tra le curve delMugello, nel mese di Maggio, al contrario non lo è più e il Dottore della Yamaha ha addirittura ricominciato a correre. Del tracciato nipponico Rossi conserva degli splendidi ricordi, ma sa che sarà un finesettimana difficile anche per l’alto livello di competitività dell’attuale Motomondiale 2010.

    Il centauro della Yamaha ufficiale, Valentino Rossi, in vista del prossimo appuntamento della MotoGP sul circuito nipponico di Motegi, gara rinviata a causa dell’eruzione del vulcano islandese, è consapevole di nonessere al top della forma.

    L’italiano della M1 ha pienamente recuperato dalla terribile frattura alla gamba destra rimediata tra le curve del Mugello, ma a pregiudicare le proprie prestazioni c’è ancora il problema alla spalla che rischia di fargli saltare anche gli ultimi due step del Motomondiale.

    Rossi non ha ancora deciso se eseguire l’intervento durante o alla fine della corrente stagione perchè vuole presentarsi al meglio alla prossima avventura con la Ducati.

    Il numero 46 della M1 preferisce concentrarsi sulla prossima corsa della MotoGP, che lo vedrà impegnato tra le curve di Motegi…una delle sue piste preferite: “quello di Aragon è stato un weekend difficile, sia perché non siamo riusciti a trovare il giusto assetto per la nostra M1 sia perché ho avuto un sacco di problemi con la spalla. La gamba ora è quasi normale, ma la spalla è tuttora un problema e ora sappiamo che questo non cambierà fino a quando non avremo il tempo per curarla in modo corretto.

    “Ho degli ottimi ricordi di Motegi, soprattutto quando ho vinto il campionato nel 2008, ma mi aspetto un fine settimana piuttosto difficile dal punto di vista fisico. Abbiamo tre settimane dure, davanti, ma dopo questo sono in arrivo due dei miei circuiti preferiti, che spero siano meno impegnativi. Faremo del nostro meglio e vediamo cosa succede; ha concluso il Dottore della Yamaha M1.