Valentino Rossi: “a Sepang sarà un weekend molto difficile per la Ducati”

da , il

    Valentino Rossi: “a Sepang sarà un weekend molto difficile per la Ducati”

    Ormai non è più un partire prevenuto, ormai si tratta di essere realisti. Dopo le dichiarazioni prima del gran premio e quelle posto gran premio, Valentino Rossi mette le mani avanti, a 5 giorni dal Gran Premio della Malesia. Più entusiasta Nicky Hayden, che invece pensa solo a cercare di partire bene in quello che si prospetta un altro finesettimana “da battaglia” per la Ducati e i suoi Piloti. Abbiamo raccolto per voi le dichiarazioni dei piloti.

    Valentino Rossi: “Vedremo cosa ci riserverà Sepang perché nei test invernali non siamo andati molto bene. Però sono passati tanti mesi da allora e adesso, con il nuovo telaio e il nuovo forcellone, la situazione è un po’ migliorata. Sicuramente il fine settimana, e la gara, saranno molto duri anche perché farà un caldo terribile che rende tutto più difficile non solo per noi piloti ma anche per le moto. Però non è certo la prima volta, lo sappiamo, e cercheremo di fare il massimo sotto ogni punto di vista perché ci vogliamo provare fino alla fine“.

    Nicky Hayden: “Motegi è alle spalle e in Malesia speriamo di vivere un fine settimana proficuo e, soprattutto, di ottenere un risultato migliore. Dobbiamo riuscire a partire bene fin dal venerdì. Qui abbiamo un po’ di cose nuove da provare che ci possono aiutare e anche il mio polso dovrebbe essere più forte, dopo tre settimane dall’infortunio. La pista è caratterizzata da frenate meno brusche che dovrebbero causarmi meno dolore rispetto al Giappone. La stagione è ormai agli sgoccioli e dobbiamo provare a fare del nostro meglio per ottenere un buon risultato prima della fine“.

    Vittoriano Guareschi – Team Manager:Arriviamo in Malesia aspettandoci un fine settimana di duro lavoro. Come sempre farà un gran caldo che, oltre ad affaticare i piloti, condiziona anche la messa a punto della moto. Tecnicamente parlando è una pista dove, a parte un tornatino lento, non ci sono punti “stop and go” tipo Motegi, dove abbiamo sofferto in fase di accelerazione in uscita dalle curve lente. Ci sono due lunghi rettilinei dove potremo sfruttare la potenza del nostro motore. Una cosa importante sarà riuscire a salvaguardare le gomme con una messa a punto che ci permetta di avere una costanza di rendimento per tutta la gara. E’ una cosa che abbiamo già ottenuto nelle gare precedenti ma che qui a Sepang sarà più impegnativa a causa delle temperature elevate”.

    Valentino ha un commento anche sulla nuova situazione del campionato delle Derivate di serie, ecco la dichiarazione:

    Valentino Rossi

    Mi piace molto il Mondiale Superbike, ne sono un grande fan. Quando sono a casa lo seguo sempre, ma si tratta di qualcosa che faccio ormai da 10 anni. Per me è importante che i due campionati siano diversi, con i prototipi in MotoGP e le moto ‘normali’ nel Mondiale Superbike. Forse adesso il problema è che i due campionati sono troppo vicini – ha osservato l’ex iridato – dovrebbero fare un passo indietro con la Superbike e correre con moto più simili a quelle di serie, ma devono capire quale sia il giusto livello tra le moto ’stock’ e quelle che usano ora: le moto dovranno avere un certo fascino ed una buona prestazione, ma senza essere delle semplici ‘moto da strada’. E’ proprio questo l’equilibrio che devono trovare. Ora Carmelo ha più potere nei confronti dei costruttori della MotoGP, ma penso che questa sia una cosa positiva: chi ha il compito di stabilire le regole non dovrebbe avere addosso così tanta pressione da parte dei produttori.

    Foto BY AP/LaPresse