Valentino Rossi:”E’ dura contro Jorge e Casey”

valentino rossi, a questo punto della stagione, commenta la situazione della classifica generale in virtù dell'ultimo gran premio degli stati uniti

da , il

    Nonostante il secondo posto rimediato sul circuito di Laguna Seca, Valentino Rossi, non può essere soddisfatto della sua prestazione in patria californiana perchè, in virtù della sua esperienza, riconosce la difficoltà tecnica di questo Motomondiale 2009, che lo vede protagonista contro Stoner e Lorenzo.

    Il campione del mondo Valentino Rossi, nonostante sia in testa alla classifica generale, non riesce ad allentare la tensione su questa splendida parte di stagione e a godersi le sue 100 vittorie in carriera, perchè è consapevole di avere alle spalle due terribili avversari: Jorge Lorenzo e Casey Stoner.

    Il pilota maiorchino insegue il Dottore in seconda posizione, staccato di soli nove punti, mentre il ducatista Casey Stoner, che nelle ultime gare è sembrato un pò appannato per via dei suoi misteriosi problemi intestinali, bracca i due centauri della Yamaha con un ritardo di 16 lunghzze.

    Il campionato è aperto più che mai ed è lo stesso Rossi a confermarlo, con un simpatico paragone calcistico, attraverso le sue parole:”Quest’anno è così, non capita mai di ritrovarti la Reggina. E’ come giocare sempre contro Milan o Juve. Lorenzo ha gli attributi, Stoner è veloce e alla fine può rientrarci anche Dani Pedrosa.”

    Dopo la buona prestazione offerta in Laguna, Vale, riesce comunque a ricavare il suo personale pensiero positivo:”Dopo due gran premi perfetti, a Laguna Seca non eravamo a posto con l’assetto della moto e questo mi ha creato parecchi problemi nella prima parte della gara. Non potevo spingere al massimo, non avevo completa fiducia nell’avantreno. Insomma, si poteva fare meglio, ma non ci si può certo lamentare di un secondo posto”.

    In una gara dove non senti il giusto feeling con la moto è stato comunque importante arrivare davanti ai suoi avversari diretti avversari: “Sono arrivato davanti a Lorenzo e Stoner,i miei avversari diretti nel mondiale, guadagnando punti importanti in classifica. La moto a Barcellona, e soprattutto ad Assen, era perfetta. Mentre qui abbiamo provato a fare una modifica che mi ha dato qualche problemino. Insomma non ero al 100%,per questo un secondo posto ci può stare”.