Valentino Rossi sui test di Austin: “la pista è bellissima, noi dobbiamo migliorare”

da , il

    Prima giornata conclusa. Nel test di Austin per alcune squadre della MotoGP 2013 ha visto concludere in testa il giovane Marc Marquez, davanti al compagno di squadra Dani Pedrosa. La Honda quindi si conferma leader assoluta in queste prove invernali, con Jorge Lorenzo che si piazza terzo a 6 decimi dal primo classificato. Bradl conclude quarto, davanti a Valentino Rossi, distante quasi 2 secondi da Marquez. L’enorme distacco però non spaventa il pesarese.

    Guarda anche:

    Dopo esser sceso dalla moto Rossi comunque era molto contento, non preoccupato minimamente del risultato.

    Tutti si sono concentrati su un solo aspetto: imparare la pista. Il tracciato si è rivelato più tecnico e più difficile del previsto, anche se è piaciuto molto ai piloti impegnati.

    Qui le prime parole del pilota di Tavullia: “Mi piace davvero tanto il tracciato. La mia prima impressione è che è davvero bello. E’ bello scorrevole con un sacco di curve veloci e tanti cambi di direzione; è davvero divertente farlo in moto! Ci sono tre curve strette che vanno bene per le Formula 1 ma per noi sono un pò troppo lente. In generale il tracciato è buono. Ci sono diversi su e giu e all’inizio si possono tirare delle belle staccate. Dobbiamo ancora capire quali gomme usare, ma l’asfalto ora come ora non è gommato e perciò non c’è grip al momento. Per me la curva più bella è la 2, quella che ti immette in una chicane simile a quella di Silverstone. Il rettilineo è molto lungo, però è buono per i sorpassi. La città poi è molto bella, c’è una bella atmosfera perciò credo che è un bel posto dove correre. E’ stato molto importante fare questo test perchè è un tracciato difficile. Ora dobbiamo continuare a girare per capire meglio la pista e anche per migliorare il grip al posteriore perchè soffriamo un pò in accelerazione, comunque il primo bilancio è positivo, poi è bello correre tre volte negl USA perchè qui ci sono un sacco di piloti forti”

    test motogp 2013 austin immagini 2

    Per Valentino quindi la prima giornata è positiva, incentrata solo sul tracciato. La pista ha messo veramente a dura prova i piloti, come testimoniano anche le parole di Jorge Lorenzo: “Io penso che sia molto importante essere qui per imparare la pista – ha affermato Jorge Lorenzo – ora non l’ho certo imparata al 100%, ho bisogni di più giri per capire le traiettorie, ma per il momento è una pista bella ma molto complicata in ogni tipo di curva. All’inizio è stato difficile capire le traiettorie e il fatto che mi sono migliorato di 3 secondi rispetto al primo giro vuol dire che è una pista difficile da imparare per dare il massimo. Io penso che avere questo tempo extra ci aiuterà molto. Credo che tre o quattro prove prima della gara non basteranno per capire il circuito e perciò gli altri piloti che non hanno mai girato qui, avranno difficoltà. Il vento ha creato qualche problema, soprattutto sul lungo rettilineo su cui arrivi a 340 km all’ora, ti senti davvero istabile. Quasi tutta la pista è complicata, ci sono alcuni punti in cui si frena con difficoltà e molte curve a gomito strette. Il primo settore è fluido ma è molto difficile trovare una buona triettoria perchè c’è poca visuale. Noi stiamo approfittando di questi test per conoscere la pista, ma anche per risolvere diversi problemi soprattutto quando spingiamo al massimo. Dobbiamo cambiare un pò il nostro setting per migliorarmi. L’asfalto non è perfetto e con solo 4 moto in pista è difficile pulirlo e capire se c’è o meno grip. E’ difficile dire se durante il weekend di gara sarà molto meglio la pista”.

    Della stessa lunghezza d’onda anche Stefan Bradl, unico pilota di un team non ufficiale: “E’ una pista che mi piace, con un layout interessante, e tutto è organizzato molto bene. Si può vedere che è più adatta alle gare su quattro ruote (specialmente nella prima parte), quindi ci ho messo un po’ a trovare la traiettoria giusta ma, dopo qualche giro, ho iniziato a godermela. Una volta ottenuti i riferimenti di base abbiamo iniziato con la messa a punto perché qui ci sono molti cambi di direzione veloci e tante staccate brusche. Nel complesso è stato un debutto positivo e sono rimasto impressionato da questa pista che è davvero tecnica”.

    TUTTE LE FOTO DEI TEST A AUSTIN