Valentino Rossi sul GP di Indianapolis: “Buona gara, ma dobbiamo ancora migliorare”

Il commento di Valentino Rossi dopo la gara di Indianapolis

da , il

    Valentino Rossi sul GP di Indianapolis: “Buona gara, ma dobbiamo ancora migliorare”

    Ap/LaPresse

    Il Gran Premio di Indianapolis si chiude con un quarto posto per Valentino Rossi che, valutando quanto si è potuto vedere nell’arco di prove e qualifiche, resta un risultato tutto sommato buono. Il pilota pesarese non va oltre il nono tempo durante la sessione di qualifiche, ma in gara riesce a recuperare bene anche dopo una partenza che non gli ha fatto guadagnare nessuna posizione. La sua rimonta comincia a circa metà gara che, dopo aver sopravanzato Smith e Bradl, mette nel mirino Crutchlow e Bautista ingaggiando un bel duello che riuscirà a vincere spuntandola proprio all’ultima curva. Una prova che salva un week-end condizionato da prestazioni al di sotto degli standard del dottore di Tavullia e della sua M1.

    Guarda anche:

    Valentino Rossi comincia il suo week-end americano accusando diversi problemi e mostrando un divario decisamente ampio rispetto alle lepri che puntualmente guidano la flotta della MotoGP. Il Gran Premio di Indianapolis mostra chiaramente i limiti della Yamaha rispetto a Honda nell’adattarsi ad un circuito ‘strano’ che, dopo ieri, è stato per ben 4 volte consecutive casa indiscussa del costruttore di Tokyo; il fine settimana parte già con pronostici abbastanza scontati nonostante Marc Marquez abbia fatto una sostanziale differenza nei confronti di tutti gli avversari, compresi compagni di squadra. Il dottore non riesce a tenere il passo dei top rider e la disastrosa qualifica di sabato ha fatto presagire una gara che non avrebbe potuto portare molte novità positive; invece, per quanto un 4° posto non possa essere considerato il migliore dei risultati in una gara, Valentino Rossi riesce a risalire bene dalle retrovie mettendosi dietro 4 piloti che nel week-end avevano fatto meglio di lui. Il guizzo nel finale che brucia Bautista e Crutchlow è stata la manovra più esaltante della gara.

    Ecco le parole del pilota marchigiano: “Se penso a come si erano messe le cose dopo le qualifiche penso che alla fine sia stata una buona gara per me; ho cominciato a trovarmi bene sulla moto da metà gara in poi e mi sono davvero divertito. Sono riuscito a chiudere la gara con dei buoni tempi e ho ingaggiato un bel duello con Crutchlow e Bautista. Dobbiamo migliorare ancora molto, sopratutto per quanto riguarda l’uso delle gomme sin dall’inizio; nella seconda parte di gara, quando l’usura si fa sentire e le moto scivolano, riesco ad entrare in curva molto meglio e il mio rendimento aumenta. Dobbiamo limitare il divario che ci separa da quelli davanti perché vanno davvero forte!”

    A cura di Alessio Mora

    LE PADDOCK GIRLS DEL GP