SBK Valencia: Interviste Yamaha

da , il

    SBK  Valencia:  Interviste Yamaha

    Le squadre del Mondiale Superbike 2006 hanno preso parte ai test ufficiali organizzati sul tracciato di Valencia per perfezionare la messa a punto e preparare il terzo round iridato che si corre il 23 aprile sullo stesso tracciato spagnolo.

    Moltissime le novità tecniche, basta pensare alle rivoluzioni in casa Yamaha che si è concentrata sulle sospensioni, il motore e le gomme della YZF-R1. Non poco! Noriyuki Haga ha sperimentato un nuovo leveraggio per la sospensione posteriore e ha definitivamente adottato la nuova forcella Ohlins TTX25 giudicandola migliore dell’unità della passata stagione. Inoltre la squadra ha ha sperimentato con successo una nuova mappatura per addolcire il comportamento a tratti brusco del 4 cilindri in linea della moto che dovrà aiutare i piloti a gestire meglio la parte posteriore della moto.

    Il più veloce delle sessioni è stato Troy Bayliss (Ducati) autore del nuovo primato di Valencia in 1’33″758. Bene anche le altre Ducati, Xauss è secondo e Lanzi terzo. Alquarto posto spunta una Suzuki, le Yamaha al sesto e ottavo posto danno tutta l’impressione di una squadra che ha ancora bisogno di limare qualcosina.

    NORIYUKI HAGA

    “Avevamo un piano di lavoro molto intenso e siamo riusciti a portare tutto a termine. La squadra ha portato molte novità e alcune di queste sono andate veramente bene. Abbiamo fatto dei buoni passi avanti e sono abbastanza soddisfatto anche delle coperture evoluzione realizzate dalla Pirelli.”

    ANDREW PITT

    “Sono stati tre giorni veramente utili, ho riassaporato le sensazioni che avevo in Qatar. Anche su quella pista eravamo andati a girare e poi in gara abbiamo fatto molto bene. La nostra Yamaha R1 sta crescendo e nei prossimi test di Misano cercheremo di fare altri passi avanti.”

    MASSIMO MEREGALLI (Team Coordinator)

    “Avevamo molte cose da provare ma la squadra e i piloti sono stati molto bravi ed efficienti riuscendo a raccogliere tutte le informazioni di cui avevamo bisogno. Haga ha promosso la nuova forcella e ha giudicato positivamente anche la nuova mappatura del motore. I suoi tempi sono stati molto buoni, specialmente quelli realizzati durante la simulazione di gara. Pitt ha una guida completamente diversa da Haga ma anche lui ha lavorato bene ed è stato veloce. Torniamo a casa veramente soddisfatti, pronti a rimetterci al lavoro per preparare la prossima uscita di test a Misano.”

    I TEMPI della SUPERBIKE

    1. Bayliss (Aus-Ducati) 1’33″785

    2. Xaus (Spa-Ducati) 1’34″659

    3. Lanzi (Ita-Ducati) 1’34″848

    4. Corser (Aus-Suzuki) 1’34″933

    5. Martin (Aus-Petronas) 1’35″178

    6. Haga (Gia-Yamaha) 1’35″295

    7. Nieto (Spa-Kawasaki) 1’35″377

    8. Pitt (Aus-Yamaha) 1’35″423

    9. Fabrizio (Ita-Honda) 1’35″437

    10. Kagayama (Gia-Suzuki) 1’35″538.