WTCC Slovacchia 2013, Tarquini e Coronel: vittorie in carrozza

Gabriele Tarquini vince gara-1 in Slovacchia per il mondiale WTCC 2013

da , il

    Sono Gabriele Tarquini e Tom Coronel a festeggiare dopo i due appuntamenti del mondiale Wtcc 2013 in Slovacchia.

    L’italiano su Honda Civic ha messo la firma in gara-1, autorevolmente al comando dall’inizio alla fine. Stesso copione in gara-2, con il successo di Tom Coronel. Partenza a razzo, favorita dalla trazione posteriore della Bmw 320 Tc, poi ha saputo approfittare della battaglia tra le Seat Leon di Huff e Oriola con Muller e Tarquini per mettere del margine e involarsi verso la bandiera a scacchi.

    In gara-2 si rimescolano le carte ed è Tom Coronel a partire davanti a tutti con la Bmw 320 Tc, affiancato da Oriola su Seat Leon, vincitore di gara-2 in Marocco.

    Coronel non ha problemi a sfruttare la trazione posteriore della 320 TC e mantiene la testa. Resta fermo in griglia Nykjaer, che parte a rilento. Muller si ritrova alle spalle di Monteiro e lottano per la quarta posizione, con Tarquini subito sesto. Coronel Oriola, Huff, Monteiro sono i primi quattro al termine del giro 1, ma il portacolori della Honda sbaglia l’ingresso alla prima curva, intraversa la Civic e deve cedere la posizione a Muller, Tarquini e Chilton.

    Muller si fa vedere negli specchietti della Leon di Huff, con cinque piloti racchiusi in un fazzoletto. Lotta ai margini della top ten Michelisz, in battaglia con Stefano D’Aste, in ottava posizione.

    Al quarto giro Muller passa Huff che a sua volta restituisce immediatamente la cortesia e riconquista la terza posizione. Tarquini studia da vicino la lotta tra i due, provando ad approfittare della situazione.

    A metà gara Coronel va via e lascia alle sue spalle cinque piloti in bagarre: Oriola, Huff, Muller, Tarquini e il rimontante Monteiro. Gara vivace, è Tarquini a bussare sulla Cruze e fa capire quali sono le intenzioni. Al giro 6 Oriola perde tre posizioni alla prima curva, azzannato in un sol colpo da Huff, Muller e Tarquini. Saranno loro a giocarsi il podio, con Monteiro in scia del vincitore di gara-1.

    Al penultimo giro va lungo Huff e Muller ne approfitta per beffarlo, anche Tarquini non perde l’occasione e sale sul podio. Coronel, al comando, è ormai irraggiungibile.

    ORDINE D’ARRIVO – TOP TEN WTCC SLOVACCHIA 2013 – GARA 2

    1. Coronel

    2. Muller

    3. Tarquini

    4. Huff

    5. Monteiro

    6. Oriola

    7. Chilton

    8. MacDowall

    9. Bennani

    10. O’Young

    tarquini wtcc slovacchia gara 1

    E’ di Gabriele Tarquini la vittoria in gara-1 allo Slovakia Ring, terza tappa del mondiale WTCC. Il pilota italiano ha condotto in testa per tutti i 10 giri, dopo la partenza dalla pole position. Un quartetto formato da tre Honda Civic e la Chevrolet Cruze del leader di campionato Yvan Muller, arrivati in fondo senza scambi di posizione.

    Gara piuttosto noiosa, animata dal recupero di Tom Coronel, arrivato in quinta posizione davanti a Nash, dopo l’avvio dalla piazzola numero 10 in griglia.

    La cronaca

    Al via sono le Honda Civic a monopolizzare le prime tre posizioni. Tarquini in pole mantiene la leadership, con Muller in lotta per la terza piazza con l’altra Civic di Michelisz. Tom Coronel è riuscito a guadagnare ben 4 posizioni, passando da decimo a sesto alla prima delle dieci tornate previste per gara-1.

    Gruppone che si sfila e i primi quatto sono distanziati di pochi decimi l’uno dall’altro: Tarquini, Monteiro, Michelisz, Muller. Gara finita già al secondo giro per Tom Chilton, partito nelle retrovie per una penalizzazione e autore nel warm up del mattino di un brutto incidente che ha pesantemente danneggiato la Cruze.

    E’ battaglia tra le due Civic, con Michelisz che sembra libero di correre contro Monteiro, mentre Tarquini gestisce in testa firmando il miglior tempo in 2’12″ al secondo passaggio. In bagarre anche Nash e Coronel per la quinta posizione, distanziati dall’ultimo vagone del gruppetto di testa, la Cruze di Muller sulla difensiva su un tracciato favorevole alle berline giapponesi.

    Al quinto giro Tarquini ha un margine di 1″ su Monteiro, Michelisz, Muller, terzetto in lotta per il podio, senza che nessuno affondi l’attacco decisivo su chi precede. A tre tornate dalla conclusione di gara-1 allo Slovakia Ring Michelisz rompe gli indugi e mette pressione a Monteiro e si porta dietro l’onnipresente Muller.

    Chi riesce ad agguantare la quinta posizione è Coronel ai danni di Nash. Le posizioni non cambieranno fin sotto la bandiera a scacchi con Tarquini che mette a segno un bel colpo e recupera sul leader di campionato Muller.