Yamaha: Ben Spies subito campione!

Il capo della Yamaha satellite è convinto che il suo esordiente Ben Spies riuscirà a concludere la sua stagione d'esordio classificandosi tra i primi 5-10 piloti del Motomondiale

da , il

    Il capo del team Monster Yamaha Tech 3, Tom Houseworth è convinto che il suo pupillo, Ben Spies, è già pronto per vincere anche in MotoGP. I due hanno già lavorato insieme l’anno scorso, nella squdra dove il texano si è laureato campione iridato in Superbike. Spies, infatti, sembra essere l’esordiente più talentuoso all’interno della classe regina e ha già ben impressionato gli avversari durante gli ultimi test svolti sul circuito internazionale di Sepang, Valentino Rossi compreso, raggiungendo complessivamente il sesto tempo e candidandosi come rookies dell’anno.

    Tom Houseworth, capo del Monster Yamaha Tech 3 è convinto che il suo pilota esordiente, Ben Spies riuscirà a concludere la stagione d’esordio classificandosi tra i primi 5-10 piloti del Motomondiale.

    Anche se è ancora presto per tirare le somme, Terror Texas ha già fatto capire di che pasta è fatto: nella MotoGP 2009, grazie alla wild card della Yamaha nell’ultimo GP della stagione, Spies ha guadagnato un quinto posto che ha impressionato tutti gli addetti ai lavori.

    L’esperto capo della Yamaha satellite crede in maniera incondizionata nelle potenzialità del texano: “per me è un grande. È uno dei pochi piloti con cui ho lavorato che arriva e ti dice che il problema non è la moto. Questo è realmente gratificante e sicuramente un gran vantaggio per noi”.

    Houseworth ha concluso che tra gli obbiettivi del pilota americano resta classificarsi tra i migliori piloti della Top Class, cioè tra i primi cinque. Questo vuol dire, piazzarsi a podio in almeno la metà dele gare del 2010 e guadagnare qualche podio interessante: “stare nella top10 non sarebbe male, ma sotto sotto corriamo per vincere. Non se sarà possibile, ne sapremo di più dopo la prima gara. Lui è ancora in fase di apprendimento, non gli abbiamo messo pressioni”.