Yamaha-Show: ” Vi stupiremo”

Yamaha-Show: "Vi stupiremo"

da , il

    Yamaha-Show: ” Vi stupiremo”

    7 days to go.

    Manca una settimana.

    Al semaforo verde della stagione MotoGP 2007.

    Si accendono gli animi, i motori, i trionfi, lo spettacolo.

    Quello che, nella sua veste a tratti più tragica, a tratti più divertente, ha dominato la passata stagione, se pur conclusa con un pizzico di amaro in bocca per molti appassionati che si aspettavano un esito più vicino alle potezialità dei piloti che non alla loro fortuna.

    La Yamaha, grande delusa ma non altrettanto sconfitta, ci riprova. Riprova a crederci, a vincere, a raggiugere il gradino più alto del podio, a guardare la Honda dall’ alto.

    Valentino e Colin, i due piloti della casa dei tre diapason, hanno lavorato H24 per preparare il Mondiale 2007 nei minimi dettagli, senza lasciare nulla al caso: la Honda, piloti a parte, fa sempre paura per la sua versatilità e per la sua nota capacità di “costruire” una moto a misura di pilota in una sola notte.

    Ma ad Iwata non si lasciano intimidire: Valentino ha dalla sua le statistiche (2 vittorie su 3 sul circito di Losail – la sua unica sconfitta costò carissima a Gibernau che, da quella lontanissima data, non è più riuscito a vincere nulla), l’ombra di una Z4 appena vinta e , quello che conta maggiormente, la determinazione nel riprendersi un Titolo che l’anno scorso gli è stato brutalmente strappato.

    Colin Edwars, dal canto suo, ha qualche conto in sospeso con Nicky Hayden: perdere una gara a 10 metri dalla fine è quanto di peggio possa accadere ad un pilota che punta alla vittoria, e quest’anno Texas Tornado non ha più intenzione di farsi scappare 25 punti così. Freno all’adrenalina e alla tensione per commettere meno errori possibili e una one way street mentale verso la bandiera a scacchi.

    Le dichiarazioni di Valentino non lasciano dubbi sulle intenzioni del pilota: “Dopo questo grandioso test di Jerez, andiamo verso la prima gara sicuri e soddisfatti. L’anno scorso avevamo avuto dei problemi durante l’ultimo test per cui siamo arrivati alla prima gara preoccupati, ma più di ogni altra cosa Jerez ha dimostrato che siamo in una situazione molto diversa rispetto all’anno scorso e conferma l’ottimo lavoro che abbiamo fatto nell’inverno con la nuova M1. Ora è finalmente giunto il momento della prima gara e vedremo se sarà ripagato tutto il lavoro che abbiamo fatto. Dopo quello che è successo l’anno scorso siamo tutti carichi e motivati e il nostro obiettivo è semplice: vincere! Mi piace molto il circuito del Qatar, è veloce e divertente e qui ho già vinto due volte. Naturalmente fa piuttosto caldo e c’è sporco in pista per cui la scelta delle gomme sarà molto importante, specialmente con le nuove regole. L’altro fattore chiave sarà il consumo del carburante, quest’anno penso che tutti siano preoccupati per questo aspetto ma siamo tutti sulla stessa barca. Dani Pedrosa è sembrato il più costante nei test ma penso che anche Nicky Hayden, Loris Capirossi e il mio compagno di squadra Colin Edwards potranno lottare per il titolo.

    Anche Edwards racconta la sua: “Il circuito del Qatar è grandioso, mi piace molto e penso di gareggiare alla pari perché siamo stati qui solo poche volte rispetto ad altri circuiti europei in cui altri piloti sono praticamente cresciuti. Sono abbastanza fiducioso per quando torneremo lì per la prima gara, particolarmente dopo l’ultimo test fatto in Qatar in cui sono stato tutti i giorni abbastanza veloce e dopo i progressi fatti a Jerez la settimana scorsa. Il circuito è adatto al mio stile e mi sono trovato a mio agio durante il test, per cui speriamo di poter fare bene in condizioni di gara. L’anno scorso abbiamo avuto qualche problema in gara ma le mie sensazioni ora sono completamente diverse perché questa moto è un altro paio di maniche. Dopo aver fatto molto bene su piste lisce come quelle di Sepang e del Qatar siamo riusciti ad adattare la moto alla pista irregolare di Jerez con un settaggio completamente diverso per cui sono convinto che abbiamo un ottimo pacchetto per tutta la stagione. Per tutto il pre-stagione ho detto che l’obiettivo quest’anno è quello di vincere le gare, per cui non vedo l’ora di cominciare.

    Infine, le parole di Brivio, team manager Yamaha: “Finalmente cominciano le gare! Penso che questa sarà una stagione molto interessante perché è la prima volta da tanti anni che Valentino non inizia come campione in carica e ci sono molti piloti giovani che sono pronti a lottare per il titolo. Abbiamo avuto un buon inverno di test e sappiamo di aver fatto un buon lavoro per prepararci alla nuova stagione. Ora non vediamo l’ora che inizino le gare anche per capire quanto siamo preparati in realtà. In Qatar per la prima volta tutti mostreranno veramente le loro carte e siamo molto curiosi di vedere a che punto siamo rispetto ai nostri rivali. Il morale nel Team è alto perché sia Colin che Valentino sono stati tra i migliori per tutto l’inverno per cui se tutto va bene possiamo aspettarci di essere competitivi. Andiamo in pista!