La BMW si mostra con cautela

da , il

    La BMW si mostra con cautela

    A Valencia è stata svelata la nuova BMW Sauber. Denominata F1.06, la vettura avrà il compito di far ben figurare la casa di Monaco che, da questo anno, ha abbandonato il ruolo di semplice fornitore di motori ed ha deciso di gestire completamente un proprio team.

    Rispetto alla Sauber del 2005, l’avantreno della F1.06 è stato leggermente abbassato ed i profili inferiori sono stati attaccati direttamente ai lati del telaio. Il muso, anch’esso più basso, presenta una caratteristica curva nella zona inferiore.

    In linea con la tendenza di tutte le altre vetture e grazie ai più piccoli motori V8, anche la BMW Sauber è state sensibilmente snellita nel retrotreno. Inoltre, i nuovi propulsori hanno minori problemi di riscaldamento e quindi anche le pance e le solite aperture sono state ridotte.

    In generale la tendenza del progetto è stata quella di abbassare il centro di gravità della macchina, lavorando anche su un diverso disegno delle sospensioni sia anteriori che posteriori e modificando la posizione di guida.

    Per quanto concerne la livrea, rispetto al bianco totale dei test invernali è comparso del blu intenso sulle pance laterali e due timide strisce rosse che partono dal musetto e corrono fino al retrotreno.

    Commentando le aspettative per il 2006 Mario Theissen, direttore della BMW Motorsport, ha cautamente ammesso di non avere grosse illusioni per il prossimo campionato del mondo. L’obiettivo principale è quello di fare esperienza ed iniziare nella giusta direzione un percorso che sarà vincente solo in futuro.

    Villeneuve ha aggiunto che, avendo già fatto con la BAR un’esperienza in un team esordiente, è conscio delle difficoltà che dovranno affrontare e non vede l’ora di mettere al servizio delle squadra la propria esperienza. Gli fa eco Heidfeld, il quale aggiunge che la cosa importante è riuscire a progredire costantemente al di là delle prestazioni e dei risultati.

    Dal nostro punto di vista possiamo far notare che la BMW nasce sulle solide basi della Sauber: una garanzia. Altra garanzia è l’esperienza maturata dalla BMW stessa come motorista. Se queste premesse le inseriamo all’interno del clima di cautela e di basso profilo mostrato da Theissen e soci possiamo fare un in bocca al lupo ai tedeschi e rassicurarli che, comunque vada, sarà un successo!

    Insomma, è molto più facile che ci stupiscano piuttosto che ci deludano.