Ducati Desmosedici GP8… senza veli

Ducati Desmosedici GP8

da , il

    Ducati Desmosedici GP8… senza veli

    A metà tra una ninfa del ghiaccio e una prima donna.

    Questa è l’essenza, il legnaggio, la favolosa realtà della nuova, fiammante, invidiabile Ducati Desmosedici GP8, il desmodromico bolide 800cc con cui Borgo Panigale affronterà la Stagione MotoGP 2008 sui più bei circuiti internazionali.

    C’è da chiedersi, ed è più che lecito, come possa una moto migliorare sè stessa, ossia quel superbo risultato ottenuto nella scorsa stagione, ma non solo. Raggiungere e superare lo forza, la potenza, la regalità cin cui la GP7 ha conquistato il Titolo, umiliato gli avversari, salito i gradini della Vittoria.

    Schiacciante.

    La Ducati ci ha abituati alle prove di forza, alle rosse magie. Ai sogni tricolore.

    La GP8 è concepita, partorita, creata per vincere.

    Preziosi, Domenicali, Guareschi sono solo tre dei nomi che hanno costruito il capolavoro 2007 e che hanno provato a generare un genio per il 2008.

    Un genio che, in realtà, avevamo già visto in anteprima a Jerez e che, prima ancora, avevamo sbirciato in pista al Mugello.

    vittoriano guareschi ghiaccio

    Un genio che non patisce il caldo di Jerez, nè il gelo del lago ghiacciato di Madonna di Campiglio, sulla quale il collaudatore Vittoriano Guareschi ha percorso oggi alcuni giri con una moto costruita “su misura” per l’occasione: speciali pneumatici chiodati Bridgestone e dischi freno in acciaio sono stati solo due gli ingredienti svelati di questa bellissima ricetta che ha portato la GP8 a 200 Km/h.

    Un trionfo di tecnica, ancora una volta italiana, che suscita una sola cosa: invidia.

    Del resto… succede sempre così alle più belle!