F1 2010: pit stop pazzi in programma?

La Formula 1 2010 abolisce i rifornimenti in gara e cambiano di conseguenza anche le strategie

da , il

    Prendiamo spunto da una recente intervista rilasciata da Jenson Button per ragionare sui nuovi scenari in termini di strategie di gara per la stagione 2010 di Formula 1. Secondo il campione del mondo in carica, potremmo assistere anche a tattiche pazze. In effetti, causa divieto di rifornimenti, sarà solo il degrado degli pneumatici ad obbligare i piloti a fermarsi al pit stop. La vecchia routine che vedeva avvantaggiato nel gioco delle soste ai box colui il quale si fermava per ultimo, è ormai preistoria. Ora trarrà vantaggi chi si fermerà per primo. A patto che monti le gomme giuste…

    PIT STOP F1. Cose imprevedibili accadranno durante i Gran Premi della stagione 2010 di Formula 1. Ad affermarlo profeticamente è Jenson Button:“Credo che, guardando ai test, stiamo andando verso strategie veramente inusuali. Credo che i top team si comporteranno in modo simile ma ci saranno gli altri che le proveranno tutte, compreso il fermarsi a cambiare le gomme dopo un solo giro e poi provare ad arrivare in fondo alla gara senza altre soste”. Capire come possano avere benefici da questa mossa è arduo. Ma vogliamo portare rispetto al campione del mondo in carica. “Sarà complesso ma molto emozionante per il pubblico. Per noi, invece, sarà difficile pianificare una strategia - prosegue Button - tutto quello che puoi fare è andare dentro ad un certo scenario ed essere pronto a saltare verso un’altra strategia in base a come si comportano i tuoi avversari. Saranno piuttosto impegnati i nostri ingegneri la domenica pomeriggio. Dovranno provare ed essere pronti in ogni situazione”.

    F1 2010. Il numero 1 McLaren Mercedes crede che un altro fattore chiave sarà la capacità di risparmiare la monoposto. E su questo tema non teme rivali:“Il mio stile di guida si adatta ai nuovi regolamenti. Penso che molti piloti si dovranno adattare perché cambia l’approccio. Ci troviamo nella stessa situazione di Le Mans dove devi guardare bene agli pneumatici perché se li danneggi dopo pochi giri, avrai problemi per buona parte della gara. Devi essere molto gentile con la macchina”. Sempre stando alle parole di Jenson Button, ci sarà molto da imparare in Bahrain dove si disputerà il primo Gran Premio della stagione 2010. Per quell’appuntamento, comunque, la McLaren sarà lì a battagliare per le prime posizioni:“A Jerez abbiamo avuto difficoltà perché le temperature erano troppo fredde e non potevamo portare facilmente le gomme in temperatura. A Barcellona, invece, sono riuscito a superare molti piloti durante i miei long run, questo significa che siamo molto competitivi, sicuramente ce la dovremo vedere con la Ferrari”.

    STRATEGIE F1 2010. Siamo stati abituati da diversi anni a ragionare in questi termini: chi parte con più benzina può fermarsi più avanti in gara e, quindi, può sfruttare più giri veloci a serbatoio scarico per passare davanti ad un avversario. Con monoposto che avranno costantemente lo stesso peso per tutta la durata della gara, si torna all’antico. Si torna, cioè, allo sfruttamento delle gomme e della loro finestra di massima competitività. In una condizione ideale, saremo di fronte all’esatto contrario: chi si ferma prima, monta gomme fresche, spara temponi e recupera su chi è rimasto in pista con le gomme usurate. Questo, ripeto, in condizioni normali. Il difficile, l’imprevedibile, entra in gioco quando ci si pone alcune condizioni: qual è la differenza di prestazioni tra la mescola morbida e quella dura e quale sarà meglio montare per prima? Inoltre, se è vero che conviene fermarsi presto per sfruttare prima dell’avversario la gomma fresca, quanto prima va fatta questa operazione? E se si finisce col farla troppo prematuramente non è che tante volte ci tocca finire la gara con le tele in bella vista? Spero di aver buttato nella mischia un po’ di spunti per la discussione. Per avere le prime risposte toccherà aspettare ancora un paio di settimane. Intanto ho inserito alcuni video relativi alla stagione 1993, l’ultima senza rifornimenti. Giusto per rinferscarci la memoria su come andavano allora le corse…