F1 a Monza: Alonso riaccende le speranze per il mondiale

Fernando Alonso vince il gran premio d'Italia e riapre uno spiraglio per sè e per la Ferrari in ottica mondiale

da , il

    F1 a Monza: Alonso riaccende le speranze per il mondiale

    Fernando Alonso infuoca l’autodromo di Monza e regala alla Ferrari la diciottesima vittoria sul circuito brianzolo. Alla partenza è Jenson Button il migliore, che brucia il collega della Ferrari e conduce per gran parte della gara senza però mai perdere di vista il rivale spagnolo, che si fa vedere negli specchietti dall’inizio alla fine. Vincente il pit stop degli uomini della Ferrari, che regalano ad Alonso il sorpasso su Button. Le carte in classifica generale si rimescolano ancora una volta, specialmente dopo lo zero in condotta per il leader in classifica Lewis Hamilton che passa così la leadership a Mark Webber. La corsa verso il titolo è ancora in salita ma oggi è il momento di festeggiare a Maranello!FERNANDO ALONSO. Emozionato e felicissimo il pilota della Ferrari che dopo la splendida pole position del sabato è riuscito a regalare ai tifosi italiani anche la vittoria più importante della stagione. “Questo successo è confrontabile solo con la mia vittoria a Barcellona nel 2006”, ha esordito Alonso in conferenza stampa. “È davvero una sensazione fantastica. La gara è stata dura perché Jenson è stato un concorrente molto forte ed ha fatto una gara impeccabile. Abbiamo cercato di portare tutte e due le monoposto in prima fila ma dopo la partenza non è stato facile rimontare. Grazie allo splendido pit stop dei nostri uomini però oggi siamo qui. Quando ho visto Jenson rientrare ai box abbiamo deciso di spingere per ancora un giro e la scelta è risultata vincente. Questo bellissimo risultato ci dà ovviamente più fiducia, sappiamo però che ad ogni gara tutto può succedere, quindi dobbiamo rimanere calmi ed essere costanti in tutti i prossimi cinque appuntamenti. Adesso però è il momento di festeggiare!”, ha concluso il ferrarista.

    JENSON BUTTON. Parte benissimo il pilota della McLaren, schizzando via dalla seconda posizione, ma non abbastanza da togliersi di dosso l’ombra di Alonso per il resto della gara, fino al sorpasso dopo la sosta ai box. “La partenza è andata molto bene, sono riuscito a trovare lo spazio e superare Fernando. Sia lui che Massa erano però più veloci di me quindi è stato difficile per me difendermi. Non avevo di certo il loro passo in gara, ma la macchina nel complesso andava decisamente bene. Quando sono uscito dalla pit lane però avevo poco grip con le gomme dure e devo ammettere che ritrovarmi alle spalle della Ferrari di Alonso è stato deludente. Sarebbe stato bello vincere ma abbiamo fatto dei buoni punti in ottica mondiale”.

    FELIPE MASSA. Terzo posto per l’altro pilota del cavallino, che ha provato fino all’ultimo a conquistare la seconda posizione ai danni di Jenson Button. “Sono partito molto bene ma Jenson è stato il migliore di tutti noi. Ho staccato tardi sulla prima curva e bloccato un po’ le ruote, poi ho visto che Fernando era un po’ largo e ho quindi provato a sfruttare la cosa ma lui è riuscito a passarmi. Poi ho sentito un colpo al retrotreno da parte della McLaren di Hamilton. Secondo posto sfumato anche per un pit stop un po’ troppo anticipato secondo il brasiliano della Ferrari. “Forse sarei potuto rimanere in pista anche più a lungo; mi aspettavo delle prestazioni migliori con le gomme dure, anche se poi sono migliorato. È stata una bella gara, il team ha fatto un ottimo lavoro anche se ho perso un po’ di tempo per la mia sosta e questo non mi ha permesso di combattere per la seconda posizione. Il podio qui a Monza è comunque qualcosa di speciale”.

    Foto: AP/LaPresse