F1 a Silverstone: Red Bull gufa la McLaren

Formula 1: la guerra tra Red Bull e McLaren si gioca anche a motori spenti

da , il

    F1 a Silverstone: Red Bull gufa la McLaren

    Abbiamo capito chi sia il nemico numero 1 per la Red Bull: è la McLaren. Non bastassero le evidenze della pista ed il punteggio in classifica mondiale, ci si mettono le parole di alcuni esponenti del team della lattina che gufano letteralmente contro i rivali di Woking, auspicandosi una bella lotta fratricida tra Lewis Hamilton e Jenson Button. Parlano loro… quelli che che hanno dovuto recentemente affrontare un momento critico dopo l’incidente tra Webber e Vettel nel Gran Premio di Turchia. Evidentemente l’esperienza insegna…

    RED BULL. Mark Webber lancia l’esca. Ci cadranno Hamilton e Button? Il pilota della Red Bull scommette a breve su uno scontro tra i due. Se non in pista, quantomeno “ideologico”. Quanto basta per rovinare l’attuale momento idilliaco. “Non è facile avere un rapporto sereno col compagno di squadra se entrambi si giocano il mondiale, perché anche lui è un tuo avversario - ha dichiarato l’australiano ben conscio delle proprie parole dopo l’incidente con Vettel in TurchiaAlla McLaren lavorano sodo per proporci sempre la solita storiella di amore e rispetto reciproco tra i loro piloti, non dico che arriveranno a toccarsi, come è successo a me e a Sebastian, ma quando le gare sono particolarmente dure, più si va avanti e più uno vorrà prevalere sull’altro. È questa la situazione della McLaren.” Più che un’osservazione, questa è una gufata! Rincara la dose il team principal Christian Horner:“Lewis e Jenson sono due piloti estremamente competitivi che si spingono a vicenda a dar il meglio di loro stessi e quando uno dei due arriverà al suo limite, vedendo l’altro scappare, sarà inevitabile veder scoppiare la coppia”.

    MCLAREN. Cosa ne pensano i diretti interessati? Hamilton e Button si dicono abituati a sentire certe storie sui giornali. Per loro non cambia assolutamente nulla. Molto vero. Tanto quanto quello raccontato dai tizi della Red Bull. Per evitare spiacevoli inciampi, quindi, Lewis Hamilton preferisce concentrarsi solo sul proprio lavoro analizzando la prima giornata di prove libere. “Abbiamo fatto un passa avanti rispetto a Valencia – ha così commentato il campione del mondo 2008 le nuove componenti della MP4-25- domani in qualifica saremo molto vicini”. Jenson Button è apparso meno soddisfatto ma non preoccupato:“Oggi è stata un po’ più complicata del previsto. C’è ancora un po’ di lavoro da fare. Non siamo dove vorremmo essere in termini di bilanciamento”.