F1, Ecclestone criticato da Ron Dennis

Formula 1: continua la polemica tra i team per la spartizione dei diritti commerciali con Ecclestone

da , il

    F1, Ecclestone criticato da Ron Dennis

    Bernie Ecclestone incassa lodi infinite dal presidente della Ferrari Luca di Montezemolo per il suo modo di gestire la parte commerciale della Formula 1 ma, al tempo stesso, deve fare i conti con Ron Dennis il quale lo accusa di aver portato via la categoria più importante dell’automobilismo sportivo ai team che ne fanno parte e che restano gli attori principali. Anche il boss McLaren Group esce allo scoperto adesso che il tema della spartizione dei proventi del Circus a partire dal 2013, cioè quando si dovrà ridiscutere il famoso Patto della Concordia, diventa all’ordine del giorno.

    Guarda anche:

    BERNIE ECCLESTONE. Ecclestone viene definito vitale per la F1 da Montezemolo. Il patron del Circus, però, non sembra fidarsi altrettanto del capo della Ferrari sebbene nutra per lui profonda stima:“Quello che ha detto nei giorni scorsi Montezemolo, lo dice tutti gli anni. Non se ne andranno creando una serie alternativa, non ha senso. Ci hanno già provato. Luca è un ragazzo d’oro ma gli piace dire queste cose, dimenticandosi poi di averle dette”, ha affermato Ecclestone in una recente intervista.

    RON DENNIS. A buttare benzina sul fuoco ci pensa Ron Dennis. Il capo del gruppo McLaren ci va giù pesante, accusando Mr. E di aver rubato ai team i diritti commerciali della Formula 1. E lo fa in un intervento senza peli sulla lingua pubblicato nientemeno che nell’ultima biografia dedicata proprio a Bernie Ecclestone. “Bernie ci ha di fatto rubato la F1 – ha detto Dennis - Ha usato questo beneficio commerciale per spingere i team ad accettare un contratto che ha li ha eliminati da ogni trattativa”, ha aggiunto ricordando che il neo ottantenne è salito al potere vendendo i diritti di trasmissione Tv del Circus e facendo arricchire i team con la spartizione dei proventi in base ai risultati ottenuti l’anno precedente. Da lì in poi, l’impero dello zio si è ingrandito prendendo in carico anche l’organizzazione e la logistica dei Gran Premi di F1 oltre alla contrattazione con gli sponsor dei vari eventi.