F1 Video: Hamilton guida al limite la McLaren di Ayrton Senna

Formula 1: ecco il video dell'evento più importante dell'ultima settimana! Lewis Hamilton è salito dentro alla McLaren con cui Ayrton Senna ha vinto il suo primo titolo mondiale per spingere a fondo sul circuito di Silverstone!

da , il

    Ayrton Senna rivive. La McLaren è quella MP4-4 con numero 12 dalla livrea bianca e rossa che sembra incartata come un pacchetto di sigarette Marlboro. Il casco è giallo. Siamo, però, nel 2010. Lewis Hamilton la porta al limite sul nuovo tracciato di Silverstone grazie ad un’idea della trasmissione televisiva della BBC. Il campione del mondo 2008 ha potuto finalmente realizzare il proprio sogno di bambino. Prima, durante ed al termine della prova Hamilton è in estasi. A noi sportivi restano immagini spettacolari e un solo cruccio: chissà su che tempi avrebbe girato spingendo al limite su un circuito rimasto immutato da allora?

    AYRTON SENNA. La McLaren MP4-4 è quella che ha disputato la stagione 1988 di Formula 1. Al volante di quel pacchetto di sigarette con 4 ruote spinto da un fantastico motore Honda turbo, Ayrton Senna ha vinto il suo primo titolo mondiale al suo primo anno in McLaren ottenendo 13 pole position e 8 vittorie. L’anno dopo andò peggio dato che fu battuto da Alain Prost. Quella del 1988 resta in assoluto la sua miglior stagione di sempre quanto a numero di successi.

    LEWIS HAMILTON. Come coronare i propri sogni motoristici? Ad esempio diventando uno dei piloti più forti del mondo… Non stupiamoci se tra 20/30 anni ci sarà un giovane pilota brasiliano che vorrà guidare la McLaren con cui Lewis Hamilton ha vinto il suo primo titolo mondiale nel 2008. La vita è una ruota che gira! Letteralmente eccitato per la grande occasione, l’attuale numero 2 della McLaren ha colto al volo l’invito della BBC per un appuntamento che, causa problemi tecnici, era sfumato in passato proprio sul più bello. Non poteva capitare in un momento migliore la chiusura per ferie delle scuderie di F1. Un po’ tutti i piloti hanno sfruttato questo tempo libero per attività che altrimenti avrebbero dovuto posticipare al freddo inverno. Malgrado la libera uscita concessa dalle squadre, Hamilton si è più volte espresso negativamente in quanto viene lasciato per strada tempo prezioso nell’ottica di un doveroso recupero prestazionale nei confronti di Red Bull e Ferrari. “Ad agosto tutti chiudono ma mentre la Red Bull va in vacanza sapendo che ritroverà la stessa buona monoposto, noi invece non potremo sfruttare questo periodo di tempo per migliorare la nostra – ha riferito ad Autosport - Ovviamente l’affidabilità preoccupa ma non c’è nulla che posso fare a riguardo per cui la cosa migliore è pensare a fare del mio meglio con quello che ho”, ha aggiunto Hamilton.