Formula 1, Ecclestone: resto qui a vita

Formula 1: Bernie Ecclestone fa sapere che, sulla soglia degli ottanta anni, non ha nessuna intenzione di lasciare il suo mondo della F1

da , il

    Formula 1, Ecclestone: resto qui a vita

    Bernie Ecclestone, prossimo agli 80 anni, fa una dichiarazione che lascerà di sasso i suoi piccoli/grandi nemici: nonostante l’età avanzata, non ha nessuna intenzione di ritirarsi dalla Formula 1. Come un moderno Re, il detentore dei diritti commerciali del Circus fa intendere che lascerà il proprio potere solo in punto di morte. C’è da preoccuparsi? Direi un tantino sì dato che il nonnetto ha già dimostrato più volte di non essere lucido come una volta. Volenti o nolenti, però, dobbiamo sorbircelo. E chissà che un giorno non venga addirittura rimpianto…

    BERNIE ECCLESTONE. “Non posso fermarmi”, ha dichiarato Ecclestone alla testata Bild am Sonntag. Il quasi 80enne ha poi aggiunto:“Per me il ritiro significherebbe morire. Se dovessi svegliarmi la mattina senza alcun problema o niente di cui preoccuparmi non varrebbe piu’ la pena alzarmi”. Si dice che il troppo interesse dato alla Formula 1 sia stata anche la causa del divorzio con la storica moglie Slavica. Tanto per dare l’idea della sua vitalità, comunque, Ecclestone ha trovato nella brasiliana Fabiana Flosi una nuova giovane fidanzata con la quale condivide l’abitazione in Florida.

    JACQUES VILLENEUVE. Per un Ecclestone che resta c’è un Jacques Villeneuve che non arriva. Sebbene il campione del mondo 1997 abbia fatto intendere di voler tornare in F1, a 39 anni suonati e ben 13 anni dopo il grande successo, il canadese ha deciso di puntare sulla Nascar prendendo parte Road America in Wisconsin della prossima settimana.

    TOYOTA E PRODRIVE. Restando in tema di gente che dalla Formula 1 è uscita, riportiamo un’indiscrezione delle ultime ore. La Toyota potrebbe rimettersi a pieno organico nel mondiale Rally. Lasciata la pista con il repentino ritiro a fine 2009, la casa giapponese sta cercando un un accordo con la Prodrive di David Richards. Quest’ultimo, infatti, ha definitivamente abbandonato il sogno della F1 definendo la categoria troppo rischiosa per la propria azienda.

    Foto: jutarnji.hr