Formula 1 in Spagna: la Ferrari si affida ad Alonso

Seconda e quinta fila per le Ferrari sul Circuit de Catalunya, nel weekend di gara del gran premio di Spagna

da , il

    Seconda e quinta fila per le Ferrari di Fernando Alonso e Felipe Massa, nel quinto appuntamento del Mondiale 2010 di F1, sul Circuit de Catalunya. I due ferraristi non hanno migliorato particolarmente le loro prestazioni rispetto alle libere del venerdì, e solo l’idolo di casa Fernando Alonso è riuscito a tenere duro e a farsi spazio in mezzo agli altri big, piazzandosi alle spalle della McLaren di Hamilton e delle due velocissime Red Bull di Mark Webber e Sebastian Vettel. Nella gara di domenica potrà quindi sperare in una buona partenza, tentando fin da subito di infilarsi in cima alla griglia, sempre che le monoposto del team austriaco non schizzino come fulmini all’accendersi del semaforo verde e, ovviamente, anche Hamilton permettendo.FERRARI. Per ora, a tenere alti i colori della Ferrari in questo weekend spagnolo, ci ha pensato principalmente Fernando Alonso, gasato da un pubblico in delirio per il pilota asturiano. Sempre davanti al compagno di squadra Felipe Massa, tranne che nelle libere 3 del sabato, Alonso è stato autore di un’ottima prova in qualifica, mentre il brasiliano ha faticato un po’ di più a trovare il giusto feeling con la vettura, e ai box di Maranello attendono di capire cosa non sia funzionato al meglio per sbloccare la situazione in vista della gara. “Su questo circuito abbiamo visto come, a parte la Red Bull che gioca a un livello superiore, gli altri team favoriti siano molto vicini tra loro” ha dichiarato il team principal Stefano Domenicali. “In gara vedremo se le cose cambieranno, specialmente dal punto di vista della performance delle gomme”.

    FERNANDO ALONSO. Soddisfatto lo spagnolo, che s’inchina alla superiorità della Red Bull e ammette come il suo quarto posto sulla griglia di partenza non sia poi un risultato così inatteso. Ma l’ultimo arrivato in casa Ferrari, sa bene che in gara può succedere di tutto, e si augura che gli aggiornamenti apportati alla vettura siano di aiuto nel guadagnare ancora qualche manciata di decimi in termini di performance, nonostante anche gli altri team non siano rimasti con le mani in mano nel frattempo. “Sono contento di come è andata oggi. Ci stiamo muovendo nella giusta direzione e dobbiamo continuare così. L’importante in gara sarà mettere a segno una buona partenza. Ultimamente non sono andato benissimo da questo punto di vista, quindi può essere un buon momento per riprendermi”.

    FELIPE MASSA. Deluso invece il pilota brasiliano, che tra libere e qualifiche, non è riuscito ad andare oltre il sesto tempo, penalizzato da una serie di problemi alla ricerca del giusto livello di grip. “Avevo già capito che non sarebbe stato un weekend facile per me” ha commentato Massa, “per questo non sono così sorpreso di come sono andate le cose. Abbiamo lavorato su due diversi set-up della vettura e scelto il migliore, ma evidentemente non è stato sufficiente. Anche se non sono riuscito a dare il massimo, non credo comunque che avrei potuto lottare per la prima fila, le Red Bull sono decisamente su un altro pianeta al momento”.

    Foto: motorsport.com