Formula1 in Belgio: Hamilton fa la danza della pioggia

Nella prima giornata di prove libere del gran premio del Belgio, Lewis Hamilton è l'unico tra i big a tenere il passo del ferrarista Fernando Alonso, primo in entrambe le sessioni

da , il

    Formula1 in Belgio: Hamilton fa la danza della pioggia

    Nella prima giornata di prove libere del gran premio del Belgio, Lewis Hamilton sopravvive alla pioggia mettendo a segno il terzo miglior tempo della giornata e piazzandosi alle spalle della Ferrari di Fernando Alonso e alla Force India di Adrian Sutil. Si aggrappano alla top ten il collega della Red Bull Sebastian Vettel e il compagno di squadra e campione del mondo in carica Jenson Button, mentre l’altro pilota della lattina, Mark Webber, si perde nelle ultime file, in diciottesima posizione. In questa prima gara dopo la pausa estiva sembrano proprio gli austriaci i meno favoriti, ma aspettiamo di vedere cosa accadrà in qualifica, da inizio stagione regno inviolabile della Red Bull.LEWIS HAMILTON. Il britannico della McLaren, che nell’ultimo appuntamento all’Hungaroring non era riuscito a passare sotto la bandiera a scacchi, dopo una pausa di tre settimane era ansioso di tornare in pista, nonostante il tempo della prima giornata di prove non abbia permesso ai piloti di girare nel modo desiderato. “È stato un venerdì un po’ altalenante. Al mattino il tracciato era molto bagnato quindi non abbiamo potuto correre molto. Nel pomeriggio almeno c’è stato modo di girare un po’ di più con le gomme intermedie e poi con le opzionali. Siamo stati molto cauti con gli pneumatici da bagnato dal momento che il regolamento non permette di disporne all’infinito e non si sa mai cosa ci aspetta nel corso del weekend. La monoposto comunque sembra adattarsi bene a questo tracciato e se pioverà saremo decisamente competitivi. Spero in una pista bagnata ma l’importante è guadagnare punti, visto che nell’ultima gara non ho nemmeno visto il traguardo”.

    SEBASTIAN VETTEL. Giornata difficile anche per il giovane tedesco della Red Bull che è riuscito però a mantenersi davanti all’altro britannico della McLaren e, soprattutto, al compagno di squadra e rivale numero uno Mark Webber. “È sempre difficile girare in queste condizioni, con il tracciato e le gomme “limitate”. Stesso discorso degli uomini di Woking anche per la Red Bull, che ha dovuto centellinare gli pneumatici da bagnato in vista di qualifiche e gara. “Ci siamo concentrati sul bilanciamento della vettura e direi che è buono, ma è dura quando il tempo cambia così in fretta. C’è ancora molto lavoro da fare tra sabato e domenica”.

    MARK WEBBER. Decisamente un inizio da dimenticare quello dell’attuale leader in classifica, Mark Webber, che si è perso nei meandri delle ultime file. Come per tutti gli altri il tempo poi non ha sicuramente aiutato. “Oggi c’è stata un pò di confusione a causa delle condizioni meteorologiche ma è andata comunque bene perché siamo riusciti a raccogliere alcune informazioni su cui lavorare. Ci sono diversi piloti molto veloci ma noi non siamo da meno. È dura farsi un’idea di come stanno lavorando gli altri team con un tempo simile, ma oggi almeno abbiamo visto il circuito in tutte le sue facce. È una pista speciale e dove mi piace molto correre”.

    Foto: AP/LaPresse