Frank Williams tuona:”Ad ognuno il suo telaio!”

Solitamente pacato, stavolta anche Sir

da , il

    Frank Williams tuona:”Ad ognuno il suo telaio!”

    Solitamente pacato, stavolta anche Sir. Frank Williams alza la voce. Il patron dell’omonima scuderia si scaglia contro Toro Rosso e Super Aguri, le due scuderie nell’occhio del ciclone per il problema dei telai fotocopia.

    Sul The Guardian, Williams spiega cosa lo sta facendo propendere per un’azione legale contro Toro Rosso e Super Aguri:“Noi della Williams ripetiamo che quello che sta accadendo con i telai in F1 non è legale. Facciamo parte di quelli che possono essere definiti i team tradizionalisti, i quali ritengono che essere in Formula 1 significhi lottare per due distinti campionati, uno per il miglior pilota e l’altro per il costruttore che sappia realizzare la migliore vettura del mondo. Per questo ogni squadra deve costruire il proprio telaio nella chiarezza delle regole. Le stesse regole che riportano sero su bianco il concetto per il quale sto lottando”.

    Già nota la replica di uno degli interessati. Gerhard Berger della Toro Rosso ha fatto sapere:La mia scuderia e` stata ampiamente autorizzata a operare in questo modo dalla Federazione internazionale dell`Automobile, unico organo in grado di valutare la legalità o meno delle vetture”.

    Il problema è sempre il solito. Il regolamento della F1 non è flessibile, cioè in grado di prevedere problematiche che sorgono “in corso d’opera”.

    Per cui non può far nulla se viene praticata una semplice scappatoia: è sufficiente che una scuderia acquisti i diritti intellettuali non da altre vetture ma da strutture esterne e lìillecito semplicemente non esiste. Semplice. Ma non sufficientemente pulito per far finire qui la questione. Ne siamo certi.

    intervista integrale | guardian.co.uk