GP di Gran Bretagna, atto 9: classifica piloti e costruttori 2008

a metà stagione di formula 1 la classifica del mondiale piloti vede hamilton, raikkonen e massa ancora a pari punti

da , il

    Un cammino lungo metà stagione per poi ritrovarsi ancora ai blocchi di partenza. E’ questa la più banale delle analisi che salta fuori guardando la classifica del mondiale di Formula 1 2008 dopo il Gran Premio di Gran Bretagna.

    L’occasione è stata ghiotta per Hamilton per rimettersi in pari. Un po’ meno per Raikkonen che comunque salva il salvabile.

    Va malissimo, invece, a Felipe Massa. Il brasiliano non fa in tempo a gustarsi le leadership che già si trova a doverla condividere con due inquilini molto scomodi.

    Peggio di tutti, però, se la passa Robert Kubica.

    I due punti di ritardo non vogliono dire niente da un punto di vista matematico, ma hanno grande valore a livello simbolico. Il polacco poteva, anzi doveva, concludere la gara e portarsi di nuovo in vetta. Allora sì che sarebbe stato un candidato credibile. Se non hai la forza per vincere, devi avere quella di essere sempre regolare. Anche una sola battuta a vuoto può costare cara. Il fatto che sia lui quello più attardato tra i fantastici quattro è un fatto puramente quanto drammaticamente emblematico. E l’aria inc..zata del kubazzo a fine gara dava l’idea di quanto questo concetto gli fosse perfettamente chiaro.

    Escluso il lucidissimo Kubica, quindi, il campionato, arrivato al giro di boa, dice una cosa importante. Per un motivo o per l’altro, vuoi la sorte, vuoi il meteo, vuoi amnesie varie che a turno sono toccato un po’ a tutti i piloti di testa: questa stagione sarà equilibratissima. Lo sarà anche perché questa è la volonta del governo di questo sport che ha inventato regolamenti talmente restrittivi da rendere le vetture sempre più vicine tra loro.

    Benissimo. Detto ciò, l’avvertimento numero 1 è sempre lo stesso. Stiano attenti ad arrivare in fondo ed a mettere più fieno in cascina possibile. Quello numero 2, invece, va decisamente contro corrente ed è diretto ai team manager: rispolverate gli ordini di scuderia. Non c’è niente di male nel fare gioco di squadra se è vero come è vero che una scuderia è una squadra innanzitutto. In caso contrario, a fine stagione ci saranno sicuramente dei punti che mancheranno e che risulteranno buttati via per aver lasciato troppo libera quella che era da reputare una fantastica sì, ma pur sempre seconda guida.

    Classifica Piloti Formula 1 2008

    Felipe Massa 48

    Kimi Raikkonen 48

    Lewis Hamilton 48

    Robert Kubica 46

    Nick Heidfeld 36

    Heikki Kovalainen 24

    Jarno Trulli 20

    Mark Webber 18

    Fernando Alonso 13

    Rubens Barrichello 11

    Nico Rosberg 8

    Kazuki Nakajima 8

    David Coulthard 6

    Sebastian Vettel 5

    Timo Glock 5

    Jenson Button 3

    Sebastien Bourdais 2

    Nelson Piquet Jr. 2


    Classifica costruttori Formula 1 2008

    Ferrari F1 96

    BMW Sauber F1 82

    McLaren Mercedes 72

    Toyota F1 25

    Red Bull – Renault 24

    Williams – Toyota 16

    Renault F1 15

    Honda Racing F1 14

    Scuderia Toro Rosso – Ferrari 7

    Force India – Ferrari 0

    Foto | motorsport