GP Turchia F1 2010: vince Hamilton, incidente tra le Red Bull di Vettel e Webber

Formula 1: cronaca e commento al Gran Premio di Turchia F1 2010 con la grande battaglia tra gli uomini Red Bull e quelli McLaren: Webber, Vettel, Hamilton e Button

da , il

    GP Turchia F1 2010: vince Hamilton, incidente tra le Red Bull di Vettel e Webber

    Incidente tra le Red Bull di Vettel e Webber. Il tedesco sbatte fuori l’australiano e si ritira. Quest’ultimo lascia il primato del Gran Premio di Turchia alle McLaren di Lewis Hamilton e Jenson Button dovendosi accontentare del terzo posto. E’ questo l’esito della gara di Istanbul, settimo appuntamento del mondiale 2010 di Formula 1. Altra domenica negativa per la Ferrari che non va oltre il settimo posto con Felipe Massa e deve accontentarsi dell’ottavo con un Alonso incapace di rimontare in modo convincente.

    PARTENZA. Webber scatta in pole position e mantiene la prima posizione. Dalla seconda piazza Hamilton vede sfilargli davanti Vettel ma poi riesce a rimetterselo dietro. Lo stesso dicasi per Button che ha la meglio in battaglia con Michael Schumacher. Seguono Rosberg, Kubica, Massa, Petrov, Sutil, Kubica e Alonso.

    GIRO 11. Il primo ad effettuare il pit stop è Kobayashi.

    GIRO 12. Pit stop per Alonso.

    GIRO 13. Pit stop per Petrov e Sutil.

    GIRO 14. Pit stop per Kubica e Massa.

    GIRO 15. Pit stop per Vettel e Schumacher.

    GIRO 16. Pit stop per Webber e Hamilton. Indecisione al box McLaren che costa una posizione al pilota inglese nei confronti di Vettel.

    GIRO 18. Pit stop per Button.

    GIRO 29. A metà gara la classifica dei primi 10 vede Webber tallonato da Vettel e Hamilton. I tre sono seguiti da Button, Schumacher, Rosberg, Kubica, Massa, Petrov e Alonso. I due ferraristi sono fermi dietro alle Renault all’interno di un trenino guidato dalla Mercedes.

    GIRO 39. Clamoroso! Ecco l’episodio che decide la gara: Vettel tenta l’attacco su Webber ma colpisce l’australiano ed entrambi finiscono fuori pista. Va meglio a quest’ultimo che perde solo due posizioni. Il tedesco, invece, è fuori. Uscito dalla sua Red Bull, Vettel dà chiari segnali di nervosismo nei confronti dell’australiano. Hamilton passa in testa seguito da Button.

    GIRO 42. Pit stop per Webber che cambia l’ala anteriore danneggiata nel contatto con il compagno di squadra. Rientra in pista conservando il terzo posto.

    GIRO 43. Iniziano a cadere delle gocce di pioggia sul tracciato ma si prosegue con gomme slick.

    GIRO 48. Altro incredibile duello in famiglia tra i piloti al comando. Stavolta è Button che attacca Hamilton, lo supera ma poi perde nuovamente la posizione. Dal box McLaren arriva nuovamente un avviso chiaro: rallentare per preservare benzina. Un modo come un altro per ribadire il concetto “no lotta in casa”.

    GIRO 53. Alonso sorpassa Petrov. I due si toccano e il russo si trova con l’anteriore destra bucata e deve rientrare al box uscendo dalla zona punti. Fino a quel momento il pilota Renault si era difeso più che egregiamente.

    GIRO 58. E’ Lewis Hamilton il primo a passare sotto alla bandiera a scacchi. Il pilota McLaren è seguito dal compagno di squadra Jenson Button. Terzo posto per lo sfortunato Mark Webber. Sbattuto fuori pista da Sebastian Vettel, l’australiano aveva dato l’impressione di poter controllare la corsa. Vanno a punti anche Schumacher, Rosberg, Kubica, Massa, Alonso, Sutil e Kobayashi. Giornata deludente per la Ferrari nel Gran Premio numero 800.

    GP Turchia F1 2010, ordine di arrivo:

    1. Hamilton McLaren-Mercedes 1h28:47.620

    2. Button McLaren-Mercedes + 2.645

    3. Webber Red Bull-Renault + 24.285

    4. Schumacher Mercedes + 31.110

    5. Rosberg Mercedes + 32.266

    6. Kubica Renault + 32.824

    7. Massa Ferrari + 36.635

    8. Alonso Ferrari + 46.544

    9. Sutil Force India-Mercedes + 49.029

    10. Kobayashi Sauber-Ferrari + 1:05.650

    11. De la Rosa Sauber-Ferrari + 1:05.944

    12. Alguersuari Toro Rosso-Ferrari + 1:07.800

    13. Liuzzi Force India-Mercedes + 1 lap

    14. Barrichello Williams-Cosworth + 1 lap

    15. Petrov Renault + 1 lap

    16. Buemi Toro Rosso-Ferrari + 1 lap

    17. Hulkenberg Williams-Cosworth + 1 lap

    18. Glock Virgin-Cosworth + 2 laps

    19. Di Grassi Virgin-Cosworth + 3 laps

    Foto: gpupdate.net