Imola SBK: Titolo a Bayliss nel giorno di Barros

da , il

    Imola SBK: Titolo a Bayliss nel giorno di Barros

    SBK Bayliss

    La tappa Imolese della SBK non ha soltanto consegnato lo scontato Titolo Mondiale a Bayliss, suo secondo Alloro Iridato in SBK dopo quello del 2001, ma ha soprattutto visto il miglior Barros della stagione.

    Il Vecchio Leone brasiliano infatti è stato formidabile, il protagonista assoluto della prova Romagnola, cogliendo finalmente una splendida vittoria (la sua prima, quest’anno) in Gara 1 ed uno strepitoso secondo posto in Gara 2, dove, se la corsa fosse durata appena un paio di giri in più, avrebbe raggiunto e superato, ne sono certo, pure Bayliss!

    Viene da chiedersi cosa sarebbe stato il Campionato del brasiliano se non avesse sempre dovuto correre ad handicap, perennemente tentando di rimediare con entusiasmanti rimonte alle sue brutte partenze! Il quinto posto attuale in campionato non gli rende infatti assolutamente giustizia: certo quest’anno la concorrenza era fortissima, ma io gli avevo pronosticato almeno un quarto posto finale, posizione che Alex potrebbe benissimo assicurarsi, visto che Pitt, attualmente quarto, è a soli otto punti da lui.

    Risolta da tempo la lotta per l’Iride, quello che appassiona adesso è lo scontro Toseland – Haga, ora rispettivamente secondo e terzo in classifica (separati da appena due punti!) per il comunque inutile titolo di Vicecampione del Mondo.

    James ha colto un ottimo secondo posto in Gara 1, dominata dalle Honda, dove Noryuki è arrivato solo quarto, ed anche in Gara 2 ha saputo fare meglio del rivale della Yamaha, giungendo buon quinto e lasciando il giapponese alle sue spalle.

    Secondo me, alla fine secondo giungerà proprio l’inglese, che del resto avevo indicato, all’inizio del Mondiale, quale unico possibile terzo incomodo tra i due Troy, nella lotta per il successo finale.

    Chi invece ha decisamente deluso, quest’anno, è stato, inutile dirlo, proprio Corser: non perdono all’australiano l’avere calato le braghe decisamente anzitempo, rendendo terribilmente noioso questo Mondiale SBK, partito con ben altre premesse. Praticamente dopo soli 5 Gp il Titolo era già virtualmente assegnato!

    Non è certo un caso, tra parentesi, che appunto dopo la prova di Silverstone io abbia sospeso il commento del Campionato. Me ne scuso con gli appassionati: semplicemente, a mio giudizio, non aveva senso ripetere sempre le stesse cose.

    Dando a Cesare ciò che gli spetta, cioè riconoscendo alla Ducati – e quindi a Bayliss, finora a quota undici successi – una indiscussa superiorità tecnica, l’australiano del Team Alstare è comunque apparso quest’anno quasi l’ombra di se stesso, come se lo spettro di Max Biaggi, che in effetti prenderà proprio il suo posto quale prima guida della Suzuki Ufficiale, avesse tremendamente pesato su di lui, schiacciandolo: costante sfortuna a parte, mi sembra che proprio da un punto di vista psicologico, prima ancora che tecnico, l’alfiere del Team Corona abbia molto prematuramente ceduto.

    Se questa fosse la sua ultima stagione, Corser avrebbe concluso in modo veramente misero la sua brillantissima carriera.

    Del resto, mi riesce difficile vedere un tipo orgoglioso come lui quale seconda guida di Biaggi. Forse l’australiano è destinato ad un cambio di squadra nel 2007, se non ad un ritiro? Lo vedremo l’anno prossimo…….

    Chi invece pare veramente destinato ad appendere il casco al fatidico chiodo è “nonno” Frankie Chili, autentica istituzione, grande Campione senza Titolo ed insostituibile personaggio della SBK. Se dovessi indicare un solo Pilota per simboleggiare nel tempo, dagli albori fino ad oggi, Il Campionato Mondiale delle Derivate Serie (cioè delle Vere Moto, le SuperBike!) la scelta non potrebbe che cadere su di lui.

    Spero ancora che ci ripensi: il mondo della SBK semplicemente non sarebbe più lo stesso, senza l’indomabile bolognese!

    Ora, l’ultimo appuntamento è in Francia questo fine settimana, a Magny Cours, per la tappa finale del Mondiale, e per i definitivi bilanci di questa stagione SBK.

    A presto!