Jorge Lorenzo e la caduta: in forse la gara di domenica?

A pochissime ore prima dell'inizoìio del week end di gara sulla pista di Shangai, Jorge Lorenzo parla della sua operazione all'avambraccio e racconta come affronterà la gara pur non essendo al 100% delle sue condizioni fisiche

da , il

    Jorge Lorenzo e la caduta: in forse la gara di domenica?

    L’aveva detto ieri di non sentirsi al 100%, ma di voler correre ugualmente la prima giornata di prove libere sul circuito cinese di sepang in un week end che preannuncia follia e spettacolo all’ennesima potenza.

    Week-end di sfide, dunque, quello iniziato sulla pista di Shangai per il quarto appuntamento della MotoGP 2008 che vedrà disputarsi il GP di Cina in un momento “caldissimo” per la repubblica che ospiterà le prossime Olimpiadi.

    Jorge Lorenzo, super pole-man della stagione 2008, proprio ieri a proposito della sua recentissima operazine all’avambraccio aveva dichiarato: “Il braccio sta bene, meglio di quanto ci aspettassimo. Quando mi sono operato il dottore mi ha detto che era peggio di quanto pensasse all’inizio, il muscolo era parecchio gonfio. Sicuramente l’operazione mi ha aiutato a correre con più disinvoltura, ma non so se mi aiuterà ad andare più veloce. Non so se sarò al 100%, ma spero proprio di stare meglio che in Portogallo“.

    Jorge Lorenzo su Fiat Yamaha

    Intanto, oggi, una bruttissima e rocambolesca caduta hanno fatto pensare il peggio.

    Una mini frattura alla caviglia sinistra di Jorge Lorenzo e un fortissimo dolore alla destra sono i “regali” che il enerdì cinese ha riservato al pilota Fiat Yamaha gommato Michelin che è stato così costretto a saltare la seconda sessione di prove libere di oggi.

    Il dottor Claudio Macchiagodena ha, poi, sorprendentemente dichiarato che il vero problema deriva dalla botta alla caviglia destra e non dalla da quella sinistra, come si sarebbe portati a pensare.

    Il vero problema penso sia nella caviglia destra, dove non ci sono fratture, perchè in questo momento il pilota sente parecchio dolore, e non sono sicuro sarà in grado di correre domani nella sessione di qualifica; Jorge ha una piccola frattura nella caviglia sinistra, ma penso saremo in grado di superare questo problema visto che i piloti sono abituati a correre in queste condizioni. È tranquillo al momento, e non più arrabbiato per quanto accaduto. Non faremo nessuna infiltrazione, in questi casi molto meglio intervenire con una terapia antinfiammatoria, ghiaccio e massaggi per capisci. Domattina prenderemo una decisione. Se il dolore sarà diminuito lo aiuteremo a scendere in pista, in caso contrario penso si ameglio aspettare. Ad ogni modo l’ultima parola spetta al pilota“.

    Non rimane, veramente, che sperare che Jorge possa correre la sua giornata di qualifica.

    Ma, a giudicare dal caratterino del pilota spagnolo e dalle sue motivazioni, c’è da scommettere che Jorge giocherà ogni carta a costo di salire in sella della sua M1 e correre alla conquista della quarta pole stagionale.

    Del resto, come lui stesso aveva detto ieri : “Lo sanno tutti che la stagione è iniziata in Qatar, e solo i piloti che non hanno raccolto risultati sostengono che la vera stagione inizia ora.