KERS: la Ferrari F60 prova a stupire

La Ferrari prova un KERS innovativo che potrebbe portare grossi benefici alla F60 in termini di bilanciamento

da , il

    Il KERS continua a dare grattacapi alla Ferrari e non solo. C’è di buono che gli uomini di Maranello, anziché starsene con le mani in mano a criticare una soluzione tecnica che non incontra affatto le preferenza della loro dirigenza, si danno da fare per trovare soluzioni alternative che diano alla F60 un qualche vantaggio competitivo sui rivali.

    IDEA NON CONVENZIONALE. Secondo Motorsport Aktuell, la Ferrari starebbe provando un sistema KERS innovativo nel quale le batterie sono posizionate direttamente sul muso della vettura. Così facendo, la F60 non soffrirebbe del problema del bilanciamento dei pesi che sta affliggendo tutte le squadre da quando il Kers ha obbligato a posizionare il peso aggiuntivo delle batterie nelle convenzionali pance al centro della vettura.

    PROVE AMBIGUE. L’idea strampalata quanto furba, sembra ad oggi essere solo un mero esperimento. Velleitario, secondo alcuni, in quanto non pochi problemi sono stati riscontrati al momento del passaggio dei cavi ad alta tensione all’interno dell’abitacolo. Il problema KERS in Ferrari, però, c’è al di là degli esperimenti. Alcune fonti non ben identificate sostengono che questa ricerca di alternative sia ritenuta obbligatoria dal Cavallino in quanto anche il sistema di base, concepito con la Magneti Marelli, non starebbe dando i risultati sperati. Ad onor del vero va comunque ricordato che la Ferrari non è l’unica a trovarsi in cattive acque. La portabandiera di questa novità, la BMW, non è convinta di farlo debuttare, la Renault lo considera uno spreco di soldi e la Toyota fa sapere che probabilmente aspetterà un paio di mesi dall’inizio del campionato prima di portare in pista il sistema di riuso dell’energia. Solo la McLaren al momento non si pronuncia apertamente. Sarà buon segno?

    POLEMICHE. Come se non bastassero le voci di irregolarità degli scarichi della F60, all’elenco delle vetture sospette di non conformità con il regolamento 2009 vanno aggiunte la Toyota TF109 e la Williams FW31. Entrambe, secondo i rumors del paddock prontamente riportati da Autosport, avrebbero dei diffusori più che sospetti poiché sfruttano in modo ambiguo una lacuna del regolamento relativa alla loro altezza. La FIA ha già reso noto che indagherà sulla questione.