Le Mans 2006: Rossi Shock

le mans 2006

da , il

    Le Mans 2006:  Rossi Shock

    Semofari rossi, Verdi, Via!

    Primo giro all’adrenalina pura, non passa la prima curva che qualcuno è già giù. Pedrosa e Rossi non si capiscono, il primo fugge avanti, il secondo allarga un pò troppo e De Puniet ne fa le spese. Edwards a ruota catapultato in ultima posizione.

    Rossi si ritrova sesto e, dopo un piccolo stordimenti iniziale, inizia il recupero sorpassando Capirossi, Melandri, Pedrosa e Hopkins e mettendosi al comando. Pedrosa intanto scavalca Hopkins, largo, e si mette in scisa di Rossi ad appena 8 giri da inizio gara.

    Scivola Antony Hopkins che si trovava in terza posizione alle spalle di Pedrosa, un vero peccato.

    Il piccolo spagnolo non molla. Tallona Rossi, lo francobolla, non lo lascia scappare a suon di decimi rosicchiati. Beata gioventù. Recupera Edwards, intanto, dopo il primo giro, mettendosi in ottava posizione.

    Il duello dei due davanti continua, con un Rossi dalle traiettorie spigolose a confronto di un Pedrosa che pennella ogni curva cercando di non uscire mai dalla linea ideale.

    Due stili di guida diversi a confronto.

    A metà gara il tempo si copre e tutti iniziano a preparare la moto da pioggia nei paddock. Non si sa mai…

    Rossi cerca di incrementare il distacco, mentre il duello tutto a stelle e strisce tra Hayden e Stoner si fa sempre più avvincente. Il piccolo Stoner non molla e tallona il pilota HRC senza dargli fiato. Casey ha manico da vendere. E ce la fa a portarsi davanti a Nicky.

    Disastro. Rossi fermo. A 7 giri dalla fine, la M1 si rompe. Addio.

    “Uccio” nei box è disperato.

    Melandri si fa paurosamente sotto Pedrosa e in un giro recupera tutti il gap accumulato in 20 giri. Alla prima curva utile lo supera. E’ fatta.

    Anche Capirossi supera Pedrosa. Il podio è Melandri, Capirex, Pedrosa.

    E Rossi ai box.

    E’ anche questo lo spettacolo del motociclismo.

    MotoGP – Le Mans

    01. Marco Melandri – Honda – 28 giri in 44’57.369

    02. Loris Capirossi – Ducati – +1.929

    03. Daniel Pedrosa – Honda – +2.269

    04. Casey Stoner – Honda – +5.494

    05. Nicky Hayden – Honda – +5.709

    06. Colin Edwards – Yamaha – +11.519

    07. Makoto Tamada – Honda – +16.692

    08. Sete Gibernau – Ducati – +18.142

    09. Toni Elias – Honda – +23.645

    10. Chris Vermeulen – Suzuki – +39.362

    11. Carlos Checa – Yamaha – +47.730

    12. Shinya Nakano – Kawasaki – +47.782

    13. Alex Hofmann – Ducati – +1’09.092

    14. James Ellison – Yamaha – +1’16.172

    15. John Hopkins – Suzuki – a 2 giri

    Ritirati

    16. Jose Luis Cardoso – Ducati – 21 giri

    17. Valentino Rossi – Yamaha – 21 giri

    18. Kenny Roberts Jr – KR Honda – 1 giro

    19. Randy De Puniet – Kawasaki – 0 giri