Lewis Hamilton:”E’ tutto OK!”. Ma in realtà è stato un disastro che peggio non si poteva

Lewis Hamilton non parla, le sue dichirazioni sono state scritte prima della gara?

da , il

    Lewis Hamilton:”E’ tutto OK!”. Ma in realtà è stato un disastro che peggio non si poteva

    Parole giuste, ragionevoli e pacate escono dalla bocca di Lewis Hamilton dopo il GP del Brasile. Non un filo di tristezza o di polemica per come è andata a finire. Non un cenno al fatto che la sua cavalcata vincente si è trasformata in un calvario lungo 71 tornate. E’ evidente che già prima della gara aveva preparato delle frasi da dire anche nel caso in cui fosse andata male.

    Dòmini il campionato, brilli come una stella, fai quello che ti pare perché sei un fenomeno, hai una gran macchina ed hai pure il supporto dei padroni del Circus (senza polemica, mi limito a citare il fatto che Bernie Ecclestone abbia pubblicamente dichiarato di tifare per Hamilton).

    Arrivi all’ultima gara con un eccellente vantaggio sulla Ferrari ed un buon margine sul tuo compagno di squadra. Gli eventi, poi, dimostrano che le Rosse di Maranello sono imprendibili per Alonso, per cui ti basta arrivare quarto e stare lontano dai guai per conquistare il titolo di campione del mondo ed entrare nell’olimpo dello sport mondiale.

    Invece… no! Una foga smisurata già ti fa pasticciare dopo la partenza. Nulla è ancora perso e persino una facile rmonta si inceppa con un incertezza ancora non ben specificata della tua McLaren. Lotti e rimonti ma il tuo team ti fa cambiare strategie e, di fatto, ti taglia definitiviamente le gambe!

    Lasciatelo dire: non c’è proprio un bel niente da essere contenti, né soddisfatti. TRA UN MESE e mezzo, forse, potrai fare un bilancio della stagione e dire “va bene lo stesso”. Ma non lì, in Brasile, mentre Kimi Raikkonen che era 7 punti dietro e circondato da champagne, cori e coriandoli, tu non puoi dire semplicemente:“Sono deluso, è ovvio, ma devo comunque guardare il risultato da un altra prospettiva. Questo è solo il mio primo anno ed è stato fantastico. Ho ancora moltissimi anni davanti a me per cui il mio sogno è solo rimandato. Voglio ringraziare tutto il team per quello che ha fatto per me”.

    Lo abbiamo accusato di fare, tavolta, dichiarazioni inopportune. Stavolta, invece, ci sarebbero state alla grande! Ma, per dirla alla Lewis, è ancora giovane, ne avrà di occasioni per rifarsi…