Michael Schumacher: obiettivo sbalordire

Michael Schumacher ha preso con grande serietà il suo ritorno alle gare

da , il

    Michael Schumacher da tempo non era così motivato e concentrato. In preparazione al Gran Premio d’Europa fa sapere di aver già perso 3 chili. In attesa di saggiare le sue doti in pista, sembra un peccato l’idea che un campione con ancora così tanta voglia di lottare si sia ritirato 3 anni fa.

    MICHAEL SCHUMACHER. “I primi 3 chili se ne sono andati, ogni tanto ho solo qualche fastidio al collo”. E’ orgoglioso dei primi risultati ottenuti dalla preparazione fisica Michael Schumacher che conta adesso altri 16 giorni prima dell’esordio nelle prove libere del Gran Premio d’Europa in programma dal 21 al 23 agosto. “Sto andando a tutto gas con la mia preparazione. Devo lavorare per aumentare la massa muscolare – spiega il 7 volte iridato precisando che, in accordo con la Ferrari stessa, non verrà fatta alcuna azione che possa in qualche modo andare a danneggiare la sua salute – Su questo c’è un’intesa totale con la Ferrari e anche con mia moglie” ha concluso il fenomeno di Kerpen, seriamente intenzionato non a stupire. Ma a sbalordire. Ed ad andarsene un’altra volta, con la scusa della vecchiaia, lasciando nei tifosi la certezza che sia troppo presto e che… se fosse stato per lui…

    LUCA DI MONTEZEMOLO. Micheal Schumacher è un fiume in piena di adrenalina, entusiasmo ed ambizioni. Altrettanto dicasi per il Presidente della Ferrari che avrebbe addirittura puntato su di lui come campione del mondo 2009:“Temo temo ormai che il campionato di quest’anno non sia più alla nostra portata ma Sicuramente Michael correrà per vincere!”. Queste dichiarazioni servono a far capire come la scelta del tedesco di tornare alle corse abbia mandato su di giri un ambiente già depresso per i risultati in pista e segnato dalla tragedia sfiorata da Felipe Massa. “Quando gli ho chiesto di correre fino al ritorno di Felipe, Michael non ha esitato: ha subito detto di sì, animato da un formidabile senso di gratitudine nei confronti della Ferrari – ha aggiunto Luca di Montezemolo riconfermando come sia stato lui il primo a pensare al Kaiser come sostituto del brasiliano – Da tempo pensavo a una terza vettura da affidare a Michael e quindi per me è stato immediato pensare a lui”.