Per Carmelo Ezpeleta 18 partenti in Motogp sono abbastanza

Carmelo Ezepeleta si accontenta dei 18 partenti della Motogp!

da , il

    Per Carmelo Ezpeleta 18 partenti in Motogp sono abbastanza

    Carmelo Ezpeleta è sicuramente un manager che fa bene il proprio lavoro, ovvero il raggiungimento del massimo risultato economico. Magari i modi sono criticabili, ma il risultato è evidente: una Motogp molto seguita e quindi appetibile per i danarosi sponsor.

    Sempre presente ad ogni occasione, neanche fosse una velina in cerca di qualche bel calciatore, il deux ex machina della Dorna, non si è fatto sfuggire la presentazione della nuova Honda del Team Gresini Racing e non si è risparmiato con i giornalisti riguardo ad un tema molto caldo, ovvero la presenza di soli 18 piloti al via della stagione 2008.

    Sì, è vero, ci sono soltanto 18 piloti e siamo al minimo, ma io ho sempre puntato sulla qualità dello spettacolo e non sulla quantità. Per questo motivo non mi lamento di ciò che vedo, perchè se non sbaglio al via ci sono 24 titoli mondiali e scusate se è poco. Inoltre debbo aggiungere che trovo oltremodo inutile avere uno schieramento più numeroso se alla fine i piloti che arrivano corrono tanti per correre e sono costantemente gli ultimi in classifica. Questo non vuol dire però che se dovesse arrivare qualche nuovo pilota con un mezzo competitivo, questo non mi farebbe felice“.

    Contento lui. Sembra molto la favola della volpe e dell’uva. In realtà Carmelo Ezpeleta sarebbe ben felice di trovare qualche altro partente, anche mediocre. Più piloti vuole dire più sorpassi, più spettacolo, più incertezza.

    In realtà il patron della Dorna dovrebbe capire per quale ragione non riesce ad aumentare la partecipazione ad altre case e ad altri piloti. Dall’altra parte del fosso, in Superbike, c’è un gran affollamento di team e questo è sintomo di salute del campionato delle derivate di serie.

    Vedere una griglia con solo 18 partenti non sarà sicuramete un bello spettacolo, indipendentemente dai titoli in dote dei singoli piloti.