Qatar Day #3: “dopo di me il diluvio”

Qatar Day #3:"dopo di me il diluvio"

da , il

    Qatar Day #3: “dopo di me il diluvio”

    Con tutte le ragioni, la frase del titolo potrebbe essere detta da Dani Pedrosa, spagnolo di Sabadell, pilotino di età e corporatura ma tutt’altro che piccolo quando si tratta di saire in sella e portare la sua moto al vertice della classifica.

    Vola Rossi nell’ultima giornata dei test di Losail, ma non sa che Pedrosa “Camomillo” è sempre lì, pronto a dare la zampata finale.

    Che gli riesce.

    Rossi scaraventato in terza posizione e Dani, beato, sul primo gradino del podio. A fare cosa?

    A guardare da dominatore il terremoto che sta succedendo in pista.

    Primo tra tutti il suo compagno di squadra, fermo ai box con espressione tra il truce e l’annoiato che freme per la sua stasi di oggi.

    E sotto lo sguardo di Pedrosa si consuma anche la caduta di un superbo Hopkins che, fino a quel momento, aveva dimostrato di esser tornato quello di qualche settimana fa (alla fine è secondo, prima di Valentino).

    Un peccato per il pilota Suzuki che dalla caduta esce fratturato e con un bollettino medico che timbra un serio “forse” sui prossimi test a ridosso del campionato.

    Rossi e Colin, invece, si devono accontentare. Il primo beffato dallo spagnolo, il secondo arenato subito dopo 10 giri.

    E questo per chi ancora credeva alle favole che la HRC non fosse ancora pronta per il 2007… più che non esser pronta, forse invece, ha ampiamente anticipato tutti tantop che ormai in questi test non ha più bisogno di provare…non ha più bisogno di dimostrare.

    La moto progettata per battere il nemico, il sette volte campione del mondo, del resto…è stata fatta l’anno scorso.

    Ora, quello che conta è rimanere in cima. E, a dispetto di quello che la fisica vorrebbe, la strada questa volta, è tutta in discesa.

    Questi i tempi della terza giornata di Losail

    1- Daniel Pedrosa – Honda RC212V – 1’55.471

    2- John Hopkins – Suzuki GSV-R 800cc – 1’55.825

    3- Valentino Rossi – Yamaha YZR M1 800cc – 1’55.954

    4- Alex Hofmann – Ducati Desmosedici GP7 – 1’56.315

    5- Colin Edwards – Yamaha YZR M1 800cc – 1’56.371

    6- Randy De Puniet – Kawasaki ZX-RR 800cc – 1’56.753

    7- Loris Capirossi – Ducati Desmosedici GP7 – 1’56.807

    8- Casey Stoner – Ducati Desmosedici GP7 – 1’56.834

    9- Alex Barros – Ducati Desmosedici GP7 – 1’56.950

    10- Marco Melandri – Honda RC212V – 1’56.980

    11- Shinya Nakano – Honda RC212V – 1’56.980

    12- Makoto Tamada – Yamaha YZR M1 800cc – 1’57.232

    13- Toni Elias – Honda RC212V – 1’57.246

    14- Nicky Hayden – Honda RC212V – 1’57.269

    15- Chris Vermeulen – Suzuki GSV-R 800cc – 1’57.365

    16- Kenny Roberts Jr – KR Honda KR212V – 1’57.408

    17- Carlos Checa – Honda RC212V – 1’57.497

    18- Sylvain Guintoli – Yamaha YZR M1 800cc – 1’58.379

    19- Shinichi Itoh – Ducati Desmosedici GP7 – 1’58.974

    20- Andrew Pitt – Ilmor X3 – 2’00.455

    21- Olivier Jacque – Kawasaki ZX-RR 800cc – 2’02.081

    22- Jeremy McWilliams – Ilmor X3 – 2’02.612