Superbike: inizio duro per James Toseland

Phillip Island sfortunata per James Toseland

da , il

    Il Campionato del Mondo Superbike non è iniziato nel migliore dei modi per James Toseland: il pilota della Yamaha Sterilgarda è caduto due volte a Phillip Island, durante le qualifiche (riportando una frattura alla mano sinistra) e in Gara 1.

    L’ex pilota della MotoGP – nonché due volte campione del mondo SBK, nel 2004 e nel 2007, nonché uno dei favoriti per la vittoria finale del WSBK 2010 – è riuscito ad andare ai punti solamente in Gara 2 e ora attende Portimao per riscattarsi.

    Phillip Island sfortunata per James Toseland. Il due volte campione del mondo Superbike, tornato quest’anno nel campionato delle derivate di serie in sella alla Yamaha in sostituzione del texano Ben Spies, ha riportato una frattura alla mano sinistra dopo una caduta nelle qualifiche australiane, e ha ottenuto punti solo in Gara 2, dopo essere caduto di nuovo in Gara 1.

    Mi sono fatto male un po’ più di quanto pensassi e con tutti gli anestetici che ho assunto durante il week end di gara e durante la gara stessa non mi sono realmente reso conto di quello che mi ero fatto. Senza l’anestesia non sarei stato in grado di guidare,” ha dichiarato 
Toseland, ”C’è stata una bella frattura nel terzo osso metacarpale della mano, che avrà bisogno di maggior tempo di quanto pensassi. Ma sta andando meglio e sarà a posto in ogni caso per il Portogallo, nessun problema.”

    Il rider della Yamaha Sterilgarda – iridato SBK nel 2004 e nel 2007, con 16 vittorie in carriera – aspetta adesso il prossimo round del WSBK (in programma a Portimao il 28 marzo) per riscattarsi (essendo uno dei favoriti per il titolo 2010) e sta cercando caparbiamente di recuperare rapidamente per quella data. Toseland è uno tosto: ce la farà.