Suzuki MotoGP: Capirossi e Bautista fiduciosi

Il Team Rizla Suzuki scalpita per scendere in pista a Jerez: l'italiano Loris Capirossi vuole disputare una buona gara (per lui è la numero 301 nel Motomondiale) nel primo GP europeo, anche se avrebbe preferito correre a Motegi, tracciato a lui congeniale

da , il

    Fiducia in casa Rizla Suzuki in vista del Gran Premio di Spagna del campionato del mondo MotoGP 2010.

    Loris Capirossi sembra gasatissimo e dichiara di non aver gradito lo stop forzato della classe regina (con rinvio al 3 ottobre del Gran Premio del Giappone) e che avrebbe voluto correre a Motegi perché è un circuito che spesso lo favorisce, mentre lo spagnolo Alvaro Bautista ha intenzione di riscattare la brutta caduta di Losail davanti al pubblico amico di Jerez de la Frontera.

    Il Team Rizla Suzuki scalpita per scendere in pista a Jerez: l’italiano Loris Capirossi vuole disputare una buona gara (per lui è la numero 301 nel Motomondiale) nel primo GP europeo, anche se avrebbe preferito correre a Motegi, tracciato a lui congeniale.

    E’ stato deludente non andare a Motegi, è uno dei miei migliori circuiti ed ero davvero impaziente di gareggiare,” ha dichiarato Capirex, “Abbiamo fatto un sacco di passi per tutto l’inverno e durante la prima gara del 2010 in Qatar e anche se il risultato non era quello che volevamo noi siamo ancora in una buona posizione per questo periodo dell’anno, per cui sarebbe stato bello vedere cosa avremmo potuto fare in Giappone.”

    Non vedo l’ora di arrivare a Jerez per iniziare a lavorare di nuovo, siamo andati abbastanza bene lì negli ultimi due anni, quindi speriamo le cose vadano bene,” continua Capirossi, “Ho usato il fine settimana libero per tenermi in forma, più che riposarmi e star seduto sulla spiaggia, quindi sono pronto per questo fine settimana!”

    Il rookie spagnolo Alvaro Bautista vuole invece fare nel GP di casa per cancellare la caduta rimediata in Qatar, dove non è riuscito a portare a termine la sua prima gara: “Sono ancora deluso dal Qatar, non è stato il modo migliore per iniziare in MotoGP, ma questa è un’altra gara e devo imparare da quello che è successo l’ultima volta,” dice Bautista, “Mi piace il circuito di Jerez e sono salito sul podio l’anno scorso e credo che sia un buon segno. Sarà un fine settimana importante per me perché sarà la prima volta che corro in Spagna per la Suzuki, quindi spero di mettere su un bello spettacolo per tutti i tifosi spagnoli.