Valentino Rossi: Brivio parla della nuova “compagna”

Un mesetto fa si è scritto tantissimo di Marwa Klebi, la nuova fiamma di Valentino Rossi, ma la “compagna” di cui parla Davide Brivio è la nuova YZR-M1 2010, il prototipo con il quale il campione di Tavullia correrà il mondiale MotoGP 2010

da , il

    Un mesetto fa si è scritto tantissimo di Marwa Klebi, la nuova fiamma di Valentino Rossi, ma la “compagna” di cui parla Davide Brivio è la nuova YZR-M1 2010, il prototipo con il quale il campione di Tavullia correrà il mondiale MotoGP 2010.

    Il manager italiano ha illustrato nei dettagli la moto che la Yamaha ha messo a disposizione di Valentino Rossi, migliorata nell’aerodinamica, nel telaio e nell’affidabilità del motore (in modo da rientrare nelle nuove regole del Motomondiale).

    Il campionato del mondo MotoGP è alle porte ed è ormai chiaro che Valentino Rossi dovrà difendere il titolo iridato soprattutto dall’assalto della Ducati di Casey Stoner.

    Per fortuna il Dottore avrà a sua disposizione una Yamaha migliorata sotto tanti aspetti che lo accompagnerà nella corsa al decimo titolo mondiale (l’ottavo della classe regina).

    Ecco le novità della YZR-M1 2010 spiegate da Davide Brivio, manager di Rossi nel Team Fiat Yamaha: ”La nuova M1 è leggermente diversa da quello dello scorso anno, iniziando dalla carena. Yamaha ha lavorato molto sull’aerodinamica di questa nuova moto con il fine di migliorare il rendimento e la velocità di punta, così come la refrigerazione del motore,” ha dichiarato Brivio in occasione della seconda sessione di test di Sepang, “E proprio Sepang è un buon posto per provare queste parti perché la temperatura è molto elevata.

    Ma la nuova Yamaha M1 ha cambiato anche il propulsore (per adattarsi alle nuove regole della MotoGP che prevedono solo sei motore a stagione per ogni pilota) e il telaio.

    Altro aspetto su cui si è lavorato molto è il propulsore. Siamo stati obbligati a migliorarne l’affidabilità con l’obiettivo di non perdere nulla in performance,” ha continuato il manager italiano, “Yamaha ha inoltre cercato di trovare una nuova rigidità per il telaio nella speranza di migliorare la trazione della gomma senza perdere efficacia nel motore.”