Valentino Rossi: prima il fisco, ora il commercialista

Valentino Rossi ha nuovamente problemi di soldi

da , il

    Continua la telenovelas Valentino Rossi – ufficio delle imposte di Pesaro. Questa volta non sono i funzionari dello stato a battere cassa dal pesarese, ma e’ addiruttura lo studio di commercialisti Cesaroni-Cappellini che vanta una parcella di diversi zeri non ancora pagata dal Dottore.

    Lo studio di Pesaro si occupo’ proprio del problema imposte di Valentino Rossi che si chiuse con un patteggiamento, e sembrerebbe che il conto non sia stato ancora pagato dal campione del mondo. La ragione di questo ritardo nel pagamento dovrebbe essere un problema relativo proprio all’importo della parcella che viene considerato dallo staff del pesarese troppo salato.

    Siamo molto amareggiati — ha dichiarato il dottor Tasini, dello studio di commercialisti —dal febbraio 2008 manteniamo il basso profilo per non ledere l’immagine di Rossi, ma lunedì in un comunicato spiegheremo nei dettagli la vicenda“. La cifra? “Siamo riusciti a far risparmiare a Rossi circa 170 milioni: fate voi una proporzione“.

    Ma a quanto ammonta il nuovo debito di Vale? Dovrebbe trattarsi di una somma compresa tra 1.7 e 2.5 milioni di euro, anche se sembra che lo studio abbia chiesto sui 4 milioni: questo, dunque, il motivo del ritardo del pagamento, perche’ secondo l’entourage del Dottore sarebbe davvero troppo alto come conto.