Yamaha innamorata: “Un vestito blu per conquistare il cuore della MotoGP”

Yamaha innamorata: "Un vestito blu per conquistare il cuore della MotoGP"

da , il

    Yamaha innamorata: “Un vestito blu per conquistare il cuore della MotoGP”

    A furia di cambiarsi d’abito, si finirà peruscire in ciabatte?

    Non per la Yamaha di Valentino Rossi e Colin Edwards, che dopo la fine dell’idillio con lo sponsor Camel, rigorosamente giallo, non sapendo più che colore indossare, hanno preferito u semplicissimo (ed elegantissimo) nero carbonio.

    Ma si sa che il nero, se si porta troppo, stanca.

    E allora, gira che ti rigira, prova che ti riprova, tra mezze promesse di svelare ai tifosi la nuova livrea durante i test IRTA e tra dribbling clamorosi di possibili nuovi sponsor (leggasi Fiat), le motociclette di Iwata si vestono in jeans!

    Blu, come i jeans. Sportivi, pratici, comodi.

    Ma blu anche come solo il miglior Armani saprebbe fare, un’eleganza innata, una calamita di sguardi senza bisogno di mettersi in mostra.

    E così che è nato il vestitohaute couture” della Yamaha visibile ai test IRTA, un monocolore blu con i tre diapason bianchi. Idem i due piloti: la Special Blue Livery ha contagiato anche le tute, blu con inserti bianchi, che strizzano l’occhio alla produzione stradale, mantenendo però un certo rigore che solo chi occupa le più alte posizioni sa avere, dosare, usare.

    La nostra livrea cambierà per Losail, - fa sapere Davide Brivio, Team manager Yamaha – ma volevamo cogliere l’occasione di questi test a Jerez per mostrare questa speciale veste per le nostre M1.E’ un evento mediatico importante e per questo abbiamo deciso di adottare il blu che caratterizza le nostre sportive di serie. Spero che i nostri fans e tutta la rete Yamaha apprezzi questa iniziativa“.

    Intanto, i designer lavorano per la livrea che la M1 di Rossi ed Edwards indosserà in Qatar per il primo appuntamento con il MotoMondiale. Un appuntamento galante a cui la Yamaha si sta dedicando da tempo e in cui non vuole fare brutta figura: il Titolo è bellissimo e la casa dei tre diapason, follemente innamorata, non vuole lasciarselo sfuggire, a costo di litigare con le altre pretendenti.

    Ah, l’amour, l’amour…!