GP di Cina, parlano i delusi…

da , il

    GP di Cina, parlano i delusi…

    Kimi Raikkonen, ritirato:”E’davevro un peccato poiche’ sembrava che oggi potessimo realizzare una vittoria. Non so esattamente cosa sia successo, ma all’improvviso l’acceleratore non ha risposto correttamente ed il motore e’ andato in blocco e ha selezionato la folle. Ho fatto una buona partenza andando sulla parte esterna e guadagnando posizioni – c’era poco spazio, cosi’ non sono riuscito a passare Fisichella a quel punto. L’ho sorpassato piu’ tardi e stavo guadagnando su Alonso prima del mio primo pitstop programmato. Sono deluso, ma almeno abbiamo dimostrato di avere la velocita’, cosi’ posso guardare avanti al Giappone adesso.”

    Felipe Massa, ritirato:”Sono stato molto veloce per tutta la gara, sia quando la pista era ancora bagnata che quando si stava asciugando. Forse ho azzardato un po’ mettendo le gomme da asciutto abbastanza presto ma, quando hanno raggiunto la giusta temperatura, ero fra i piu’ veloci in pista. Peccato per quanto accaduto con Coulthard: eravamo in piena lotta e, in fondo al rettilineo, sono andato un po’ lungo perché l’asfalto era viscido e abbiamo finito per toccarci. Purtroppo, ho riportato un danneggiamento alla sospensione anteriore sinistra e sono stato costretto a fermarmi. Avrei potuto finire in zona punti, aiutando la squadra nella lotta per il titolo Costruttori e difendendo la mia terza posizione nella classifica Piloti: vorra’ dire che daro’ tutto il possibile a Suzuka.”

    David Coulthard, nono:”E’ stata una gara dura. All’inizio, le mie gomme intermedie avevano molto graining e mi superavano a destra, sinistra, e pure al centro. Anche perché avevo pure molta benzina. Ma quando la pista si e’ asciugata, le gomme hanno cominciato a consumarsi e la situazione e’ migliorata, tanto che ad un certo punto ero veramente veloce. Purtroppo ho avuto, piu’ tardi, un incidente con Massa. Due o tre giri prima, mi era quasi entrato dentro, ma ero riuscito ad evitare la collisione. Sono deluso perché quell’urto ha dannegiato la mia macchina. Ho perso il servosterzo nelle curve a sinistra, per cui la macchina tirava a sinistra. Ero sempre in grado di andare veloce, ma era difficile in frenata nel tornante per cui sono andato largo lasciando passare Mark. Per questo siamo finiti fuori dai punti”.

    Tonio Liuzzi, decimo: “Dopo tutto, e’ stata una buona gara ed il decimo posto e’ piu o meno quanto ci potessimo aspettare dopo le prove di sabato, anche se -vedendo il ritmo che avevamo- speravamo di poter lottare per la zona punti. Il fatto che la pista si e’, poi, asciugata non ci ha aiutato perché le grandi squadre avevano un passo nettamente migliore in quelle condizioni di pista. Mi aspettavo di meglio per noi visto che eravamo 8° e 10°, dopo la partenza, ma poi ho avuto problemi con le gomme posteriori poiché avevo optato per una strategia ad una sola sosta e la macchina molto pesante per il carburante imbarcato. Mi hanno chiamato per rifornire esattamente al momento ideale ed e’ stata una buona cosa, ma non ci sono stati punti per noi oggi. Adesso, sono impaziente di correre a Suzuka”. (Pos. 10°)

    Nico Rosberg, undicesimo: “E’ stato senza dubbio un giorno difficile. Purtroppo ho perso molto tempo dietro la Red Bull di David Coulthard. Ho deciso di non prendere rischi per non compromettere il resto della mia corsa. Quando abbiamo deciso di cambiare gli pneumatici con quelli da asciutto la situazione e’ migliorata, ma purtroppo verso la fine della corsa ho avuto dei problemi con quelli anteriori. La macchina era diventata molto nervosa e difficile da tenere nei tratti bagnati. Oggi ho imparato molto sia per quanto riguarda questo circuiti sia sul comportamento delle gomme”

    Robert Doornbos, dodicesimo:”La mia prima gara con la Red Bull Racing e’ stata abbastanza eccitante, anche se a dire il vero mi aspettavo di piu’ partendo decimo sullo schieramento. All’entrata della prima curva c’e’ stata un po’ di confusione ed ho toccato la macchina di Kubica, cosa che mi ha fatto perdere tempo perché sono dovuto rientrare ai box per cambiare l’ala anteriore. Ma dopo questo episodio mi sono divertito. Con gomme intermedie usate, ho superato undici piloti in pista, il che e’ una buona prestazione, mi pare. Abbiamo, poi, cambiato per le gomme da asciutto al momento giusto, e a quel punto svolto il lavoro e concluso la gara. Sono ora impaziente di disputare la prossima”.

    Robert Kubica, tredicesimo:“La corsa e’ stata difficile fin dall’inizio quando alla prima curva sono stato colpito da Robert Doornbos. Ho poi rischiato mettendo gli pneumatici da asciutto troppo presto, ma purtroppo era impossibile da guidare e quindi abbiamo deciso do tornare con le gomme intermedie e quindi ho perso molto tempo. Mi sono trovato quindi dietro a Giancarlo Fisichella, Michael Schumacher e Fernando Alonso e stavo andando al loro passo”

    Ralf Schumacher, ritirato:”E’ stato un fine settimana difficile per me. Dato che partivo molto indietro in griglia, sapevo che quella di oggi sarebbe stata una gara per niente semplice e cosi’ purtroppo e’ stato. Durante la gara ero abbastanza competitivo, ma ho compiuto molti giri in mezzo al traffico. Per cui il team ha preso un grosso rischio, ovvero quello di montare le gomme d’asciutto prima che la pista fosse realmente adatta a quel tipo di pneumatici. E’ stata una decisione non facile da prendere ma in qualche modo dovevamo guadagnare terreno. Questo non ci ha permesso di arrivare fino alla conclusione della gara, ma va detto che ho perso molto tempo nei primi giri dopo la sosta. La situazione e’ gradualmente migliorata e dieci giri dopo ho fatto segnare dei giri veloci. Sfortunatamente e’ subentrato un problema di pressione dell’olio per cui bisognava fare dei controlli. Pero’ abbiamo bisogno di migliorare il tutto durante ogni weekend e cosi’ potremo essere competitivi.”

    Jarno Trulli, ritirato:”Questa e’ stata una giornata da dimenticare. Naturalmente e’ sempre difficile iniziare una gara partendo dal fondo. Non siamo stati competitivi per tutto il weekend in condizioni climatiche cosi’ proibitive. Il bilanciamento della monoposto non era male nella prima parte di gara, ma ero comunque bloccato dal traffico. Le soste ai box sono arrivate prima del momento ideale per montare le gomme d’asciutto, ma la squadra ha voluto prendere questo rischio perché non avevamo niente da perdere. Sfortunatamente la scelta non ha pagato. E’ stato difficile mantenere la vettura in pista dopo che avevo perso molto terreno rispetto al resto del gruppo. A rendere peggiore una situazione gia’ piuttosto precaria e’ stato poi un problema alla pressione pneumatica del motore che mi ha costretto al ritiro. Ma ogni giorno e’ diverso dall’altro, e quindi affronteremo la prossima gara sperando in un fine settimana migliore con un po’ di fortuna in piu’.”