MotoGp, i dubbi di Bagnaia: cosa è successo?

Pecco Bagnaia ha avanzato dei dubbi dopo il ritiro nella Sprint Race del Moto Gp di Francia. Una situazione che lascia molti dubbi.

Il campione in carica si trova ad affrontare una situazione complessa, dalla quale non è facile uscire.

A Sky Sport il pilota della Ducati ha specificato: “Abbiamo dovuto scegliere la seconda moto per precauzione visto l’incidente avuto in qualifica, ma qualcosa non ha funzionato come doveva. I primi due giri c’era qualcosa di strano nella due ruote. Ora analizzeremo i dati per cercare di capire cosa è successo”.

Aggiunge: “Mi ha condizionato nella sprint non solo la partenza, ma anche tutto il resto. La moto si comportava in un modo che non avevo mai visto, anche se non posso entrare nei dettagli e dire cosa non funzionava. C’è poco da dire, per la gara tornerà pronta la prima moto e saremo pronti a lottare. Il nostro passo è tra i migliori, dobbiamo solo partire bene e senza nessun tipo di problema”. 

Parole sincere e sempre dirette quelle di Pecco che non si nasconde dietro a scuse come la sfortuna o quant’altro, ma che è carico pronto a riprendersi quanto perso in questi giorni direttamente in gara.

Ducati, parla anche Tardozzi

In merito al momento della Ducati e alle difficoltà di Pecco Bagnaia ha parlato a Sky anche il team maanger Davide Tardozzi, che ha specificato: “Siamo dispiaciuto di non aver dato a Francesco la moto che meritava. Poteva lottare per la vittoria, il podio era ragionevolmente assicurato. Gli dobbiamo delle risposte, non riusciva a tenere giù la moto in accelerazione, ma siamo sicuri che in gara sarà protagonista assoluto“.

Le problematiche di bagnaia
Bagnaia in difficoltà (ANSA) Derapate.AllaGuida.it

Parole importanti anche per Enea Bastianini che specifica: “Sono contento della gara, meno della qualifica. Sembrava un weekend buono, invece è andata un po’ così e così. Marquez ha dimostrato che con una buona partenza si può andare davanti e ni ci proveremo. Il ritmo era molto buono, sono stato sempre costante, veloce e riuscivo anche nei sorpassi. Questo ci tornerà buono in gara e anche per il futuro”.

Non manca un po’ di delusione: “Poteva essere una bella battaglia, ma comunque vedremo in gara. Il Mondiale? Siamo molto costanti e va bene, ma succede sempre qualcosa e non riesco a fare la differenza come vorrei, questo mi fa arrabbiare. Il campionato è lungo e tosto. La scelta per Ducati sarà difficile, io sto migliorando ed è quello che conta.

Impostazioni privacy