Valencia: in extremis risorge la McLaren

da , il

    Valencia: in extremis risorge la McLaren

    A Valencia proseguono i test della maggioranza delle vetture. Nonostante i team impegnati in Bahrain e quelli in altri circuiti europei, rimane nella pista spagnola la presenza del maggior numero di squadre. La Renault si mantiene al top, la Williams si inserisce tra i primi e, a sorpresa, exploit della McLaren.

    La Williams sembra tornata in discreta forma. Sarà sicuramente un fuoco di paglia e non crediamo che riuscirà davvero a stare tra i primi anche quando si farà sul serio, ma ci auguriamo che non sia un caso se nelle prime giornate di test è riuscita ad andare talmente forte da tenersi dietro persino la Renault.

    Renault che ha poi prontamente ristabilito le gerarchie nel terzo giorno.

    Ancor più della Williams, però, la vera sorpresa è stata la McLaren che, dopo aver fatto intravedere qualche leggero miglioramento nei primi giorni, ha piazzato un tempone nell’ultima giornata.

    Un tempo quasi di un secondo più basso di quello della Renault. Un tempo che però va interpretato.

    A Woking, lo ricordiamo, non sono nuovi a ritorni fulminei al vertice dopo che erano già stati dati per spacciati.

    Ma c’è da capire in che condizioni era la macchina. E non si può dimenticare che anche questa volta si sono manifestati i soliti problemi di affidabilità.

    Sicuramente il passo avanti c’è stato, perché la vettura è andata costantemente più veloce delle settimane precedenti ed ha anche avuto meno guasti. Però dobbiamo aspettare i prossimi test per capire davvero come stanno le cose.

    Concludendo la rassegna su questa settimana di test c’è da segnalare che la Red Bull continua a far intravedere dei progressi continui così come continue sono le ricadute.

    Si conferma, infine, ultima la Midland. Il team russo non entusiasma proprio nessuno. Neanche Ecclestone che ha ammesso di essersi pentito di aver incoraggiato il gruppo russo ad entrare in Formula 1. A suo dire non prenderebbero la cosa troppo sul serio come invece meriterebbe.

    I tempi

    Giorno 1

    01. Mark Webber – Williams Cosworth – 1’10.601 – 94 giri

    02. Christian Klien – Red Bull Ferrari – 1’11.254 – 100 giri

    03. Pedro De La Rosa – McLaren Mercedes – 1’11.619 – 16 giri

    04. Juan Pablo Montoya – McLaren Mercedes – 1’11.700 – 51 giri

    05. Alex Wurz – Williams Cosworth – 1’12.657 – 48 giri

    06. Tiago Monteiro – Midland Toyota – 1’12.924 – 82 giri

    07. Robert Doornbos – Red Bull Ferrari – 1’13.696 – 86 giri

    08. Markus Winkelhock – Midland Toyota – 1’14.299 – 77 giri

    09. Giorgio Mondini – Midland Toyota – 1’24.110 – 16 giri

    Giorno 2

    01. Nico Rosberg – Williams Cosworth – 1’10.994 – 94 giri

    02. Kimi Raikkonen – McLaren Mercedes – 1’11.199 – 16 giri

    03. Heikki Kovalainen – Renault – 1’11.362 – 115 giri

    04. Giancarlo Fisichella – Renault – 1’11.443 – 83 giri

    05. Christian Klien – Red Bull Ferrari – 1’11.544 – 63 giri

    06. Mark Webber – Williams Cosworth – 1’11.584 – 33 giri

    07. Juan Pablo Montoya – McLaren Mercedes – 1’12.462 – 85 giri

    08. Christijan Albers – Midland Toyota – 1’12.916 – 64 giri

    09. David Coulthard – Red Bull Ferrari – 1’13.585 – 14 giri

    10. Robert Doornbos – Red Bull Ferrari – 1’14.643 – 44 giri

    11. Giorgio Mondini – Midland Toyota – 1’14.646 – 84 giri

    Giorno 3

    01. Heikki Kovalainen – Renault – 1’10.618 – 140 giri

    02. Juan Pablo Montoya – McLaren Mercedes – 1’10.657 – 50 giri

    03. Giancarlo Fisichella – Renault – 1’10.938 – 118 giri

    04. Nico Rosberg – Williams Cosworth – 1’11.139 – 78 giri

    05. Kimi Raikkonen – McLaren Mercedes – 1’11.174 – 66 giri

    06. David Coulthard – Red Bull Ferrari – 1’11.217 – 73 giri

    07. Alex Wurz – Williams Cosworth – 1’12.233 – 119 giri

    08. Christijan Albers – Midland Toyota – 1’12.778 – 46 giri

    09. Adrian Sutil – Midland Toyota – 1’17.912 – 27 giri

    Giorno 4

    01. Kimi Raikkonen – McLaren Mercedes – 1’09.976 – 80 giri

    02. Giancarlo Fisichella – Renault – 1’10.918 – 83 giri

    03. David Coulthard – Red Bull Ferrari – 1’11.068 – 34 giri

    04. Heikki Kovalainen – Renault – 1’11.074 – 161 giri

    05. Pedro de la Rosa – McLaren Mercedes -1’11.262 – 113 giri

    06. Christijan Albers – Midland Toyota – 1’13.062 – 52 giri

    07. Adrian Sutil – Midland Toyota – 1’13.513 – 58 giri

    08. Tiago Monteiro – Midland Toyota – 1’13.812 – 55 giri