Briatore:«Se vinco, lascio!»

GRAZIE Flavio

da , il

    Briatore:«Se vinco, lascio!»

    GRAZIE Flavio. Come faremmo senza di te: proprio oggi mancava un titolino a sensazione per far parlare un po’ i giornalisti e – come tante altre volte – ci hai pensato tu!

    Per chi (ancora) non lo sapesse, lo juventino Briatore – intervistato da SKY in occasione della partita di Champions tra la Signora e l’Arsenal – parlando come suo solito del più e del meno, ha anche raccontato che se vince anche quest’anno, lascerà la F1:«Ormai in Formula 1 ho dato un po’ troppo. Se vinco il Mondiale, ci faccio un pensierino, ma credo che forse è l’ultimo anno che faccio Formula 1».

    Lui parla di mancanza di stimoli e noi gli crediamo poco. Si sa come è fatto Flavio! Se c’è da spararla grossa e far parlare di sé, non si tira mai indietro.

    Se, comunque, dicesse sul serio, è perché dietro c’è un altro motivo. Probabilmente ha recepito la volontà della Renault di smobilitare: già nei mesi scorsi alcune voci davano per certo l’addio alle corse dei francesi. Poi, le stesse voci, sono state categoricamente smentite.

    Ciò non toglie, però, che se non sarà tra un anno, possa essere tra due o tre. E, se così fosse, è logico pensare che già da prima decidano di allentare la presa e l’impegno.

    Briatore potrebbe aver annusato tutto questo e, allora, starebbe maturando nella sua testa l’intenzione di andarsene. Soprattutto in caso di vittoria. Uscire da campioni, in fin dei conti, è il sogno di tutti i vincenti.

    Tutto torna. Torna anche che persino quando se ne andò dalla Benetton successe una cosa analoga: dopo essere diventato due volte campione del mondo con Schumacher e avendo affrontato l’inevitabile declino della scuderia, lascio.

    Stavolta si tratterebbe di anticipare gli eventi. Andarsene quando le cose vanno bene e dimostrare a tutti di chi è il merito di certi successi, è proprio da… Billionari!

    Quanto alle grane di gestire un team con pochi stimoli e in involuzione tecnica, per quello ci sarà sempre un David Richards a caso, disponibilissimo.