…e le Ducati?

I due piloti della Ducati MotoGp Loris Capirossi e Sete Gibernau commentano il Gran Premio di Turchia ed il circuito di Istanbul con le difficili condizioni della pista

da , il

    …e le Ducati?

    Strano ma vero, la falange Marlboro Ducati che aveva mietuto illustri vittime nei primi 2 GP di questa stagione, questa volta, alla terza gara in terra turca, subisce una battuta d’arresto.

    Capirossi perde la testa della classifica, cedendolo per appena un punto al giovane Hayden che ringrazia. Gibernau si vede per metà gara, poi decide di fare il galante in pista e lascia sfilare uno dietro l’altro veramente tanti concorrenti, ritrovandosi a fine gara all’ undicesimo posto.

    Proprio Sete che ieri, nelle qualifiche sotto il diluvio di Istanbul, aveva dato spettacolo insieme al suo compagno di squadra.

    Oggi il flop. Come mai?

    Evidentemente l’enorme quantità di gomme portate da Bridgestone non è bastata, o meglio non c’è stato tempo di provarle tutte, soprattutto quelle da asciutto. Non dimentichiamo che le qualifiche si sono svolte sotto l’acqua scrosciante e la gara di oggi ha risentito dei settaggi di ieri. Non si può improvvisare e , se non si ha tempo di provare, anche i grandi cadono.

    Ecco come Loris e Sete provano a dare una spiegazione alla giornata di oggi.

    Gibernau: “Non c’è molto da dire riguardo alla gara di oggi, se non che abbiamo avuto un problema con il pneumatico posteriore. Non potevo farci niente. La moto andava benissimo e io mi sentivo completamente a mio agio nel condurre la gara. Al quarto giro però ho cominciato a sentire una vibrazione nel posteriore della mia Desmosedici : a un certo punto ho pensato di rientrare al box per cambiare la gomma, ma poi ho deciso di non abbandonare la gara. Peccato, un vero peccato: ero davvero fiducioso di poter portare a casa un bel risultato oggi

    Gli fa eco Capirossi: “Non posso dire di essere soddisfatto, questa posizione non è quella in cui dovremmo essere. Questo weekend abbiamo lavorato bene sul bagnato ma purtroppo non abbiamo avuto abbastanza tempo per prepararci al meglio per una gara asciutta, così oggi non è andata come speravamo. Tuttavia siamo a un solo punto dal primo in classifica e abbiamo portato a casa altri punti utili a questo Campionato ancora lungo e difficile. Oggi siamo stati bravi a raccogliere quel che potevamo e siamo stati i primi “gommati” Bridgestone a tagliare il traguardo. Sapevamo che questa pista sarebbe stata ostica, siamo arrivati qui con tante gomme diverse ma abbiamo avuto poco tempo per provare su pista asciutta. Per la gara abbiamo preferito non azzardare coperture mai usate, quindi siamo partiti con quella che reputavamo la più adatta tra quelle che avevamo testato. Ora ci aspetta la Cina altro circuito difficile: dovremo continuare a lavorare a testa bassa. Abbiamo cominciato questo Campionato alla grande: ora dobbiamo continuare con lo stesso impegno e fare sempre meglio!