Schumacher, test e previsioni

da , il

    Schumacher, test e previsioni

    Tutte le scuderie stanno girando a Jerez. Tutte tranne la Ferrari che ha deciso di starsene una settimana a Fiorano per tre giorni di test con la 248 F1. Terminate le prove, Schumacher mostra soddisfazione e si sbilancia. Il tedesco, in vista della gara inaugurale, fa le sue previsioni sulle forze in campo dando buone chance di vittoria anche alla Rossa.

    Nei tre giorni di test, il primo ha girato Massa. Il brasiliano ha provato la seconda Ferrari 248 F1, al suo debutto. In totale ha compiuto 100 giri lavorando sull’affidabilità e sullo sviluppo generale della vettura. Miglior tempo della giornata 58″242.

    Il secondo giorno è sceso in pista Michael Schumacher che ha proseguito il lavoro compiendo ben 121 tornate senza particolari problemi. Miglior tempo 57″652. Nella terza e ultima giornata ancora Schumy. Fatti 76 giri con il migliore in 57″647, un tempo praticamente uguale al giorno precedente che consolida le sensazione positive registrate dalla squadra e dal tedesco. Tedesco che non perde occasione per ribadire la propria soddisfazione per la macchina.

    In vista della prima gara del mondiale sul circuito di Sakhir – dove trall’altro la Ferrari proverà la prossima settimana – Schumacher si dice convinto di lottare per la vittoria.

    Oddio. Non sempre le sue previsioni sono state azzeccate. Anzi se proprio dobbiamo trovare un difetto in un campione di questa portata è proprio quello di non azzeccare quasi mai i pronostici. Sia che si tratti di valutare il proprio potenziale sia che si tratti di quello degli altri, sbaglia spesso. Forse sarà una tattica? Magari sbaglia apposta perché dice le cose con scaramanzia e non con logica?

    Diamogli un’altra possibilità. Vedremo se a marzo la Ferrari lotterà davvero per il gradino più alto del podio.

    Ad essere onesti date le prestazioni dei test non c’è motivo per non crederci.

    Sempre Schumacher, però, mette in guardia dalla Renault ed inserisce la Honda come seconda forza del campionato al pari della Rossa. Nessuna parola per la McLaren. Ricordiamocelo.

    E ricordiamoci anche che manca ancora un mese, vale a dire che per fare nuove previsioni o correggere le precedenti c’è ancora tempo e spazio, proprio per tutti…